Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Le inaugurazioni

Madonie, nuova Tac e ambulatorio veterinario per le sterilizzazioni

Novità rispettivamente all'ospedale di Petralia Sottana e a Gangi. I tagli del nastro alla presenza tra gli altri di Ruggero Razza e Daniela Faraoni

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «Nelle Madonie c’è uno sforzo serio e mi fa piacere che, sia nell’Ospedale ‘Madonna dell’Alto’ di Petralia Sottana, che nel territorio, questo si stia notando». Lo ha detto l’Assessore alla Salute, Ruggero Razza, questa mattina a Gangi in occasione dell’inaugurazione dell’ambulatorio veterinario destinato alla sterilizzazione dei cani randagi. Realizzato all’interno di locali di proprietà comunale, è dotato di una sala chirurgica e di un ambulatorio di degenza ed osservazione. «Abbiamo inaugurato una struttura che è frutto di un finanziamento voluto dal Presidente Musumeci- ha sottolineato Razza- è uno sforzo nelle attività di contrasto del randagismo e per andare incontro al benessere animale».

L’ambulatorio di Gangi– inaugurato alla presenza, tra gli altri, del Direttore generale dell’Asp e del sindaco della cittadina madonita, Francesco Paolo Migliazzo- è il secondo realizzato dall’Azienda sanitaria (dopo quello di Termini Imerese) nell’ambito del progetto sulle “Misure straordinarie per contrastare il fenomeno del randagismo”, finanziato con mezzo milione di euro dalla Regione siciliana A breve prenderanno il via anche i lavori per un terzo ambulatorio da realizzare a Terrasini.

L’Assessore alla Salute ed il direttore generale dell’Asp si sono poi spostati all’Ospedale “Madonna dell’Alto” di Petralia Sottana dove- a distanza di 20 anni dall’ultima installazione di una vecchia apparecchiatura a 4 slices – è stata montata e collaudata una nuova TAC di ultima generazione a 128 slices. «Stiamo ricostruendo qualcosa che è stato demolito negli anni- ha detto Razza- per questo bacino, l’Ospedale di Petralia è un punto di riferimento. Con gli amministratori del territorio c’è un dialogo intenso. Io sono convinto che, al di là delle attrezzature, c un tema grande, e cioè la quantità del personale a disposizione. Su questo, che è uno dei punti seri, lo sforzo dell’Azienda non è mai mancato, ma ci vorranno molti mesi per recuperare la pienezza dell’organico».

In poco meno di 20 giorni, l’Asp ha dismesso a Petralia la vecchia TAC, montata la nuova ed effettuate le prove di radioprotezione. Dopo la formazione del personale, l’apparecchiatura sarà a disposizione di tutto il comprensorio madonita sia per gli esami dei degenti, che per l’utenza esterna.

«Siamo quasi a metà di un percorso che ci consentirà entro l’anno di dotare tutti gli ospedali aziendali di TAC all’avanguardia- ha sottolineato il Direttore generale dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni– Dopo avere concluso i lavori a Partinico e Petralia, siamo pronti per dare il via alle opere all’Ingrassia e poi a Corleone e Termini Imerese. Le nuove Tac sono in grado di soddisfare tutte le esigenze dell’utenza fornendo prestazioni di elevata qualità e bassa emissione di radiazioni. Di pari passo al rinnovo tecnologico, va anche il potenziamento delle risorse umane con, a regime, 7 nuovi radiologi e complessivamente 10 tecnici (compresi i 4 destinati allo screening mammografico».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati