autismo

Dal palazzo

L'annuncio

Lotta all’autismo, via libera dalla Camera a tre mozioni

Il sottosegretario Andrea Costa: «Tra gli impegni presi la creazione di una rete scientifica ed epidemiologica coordinata a livello nazionale, il potenziamento del personale sanitario e dell'assistenza domiciliare, l’incremento del Fondo per l’Autismo e l’individuazione di percorsi lavorativi per i pazienti».

Tempo di lettura: 2 minuti

«Sono state appena approvate all’unanimità le mozioni sui disturbi dello spettro autistico». Lo dichiara il sottosegretario di Stato alla Salute, Andrea Costa, a margine della votazione alla Camera del provvedimento, a cui ha partecipato in rappresentanza del Governo.

Tra gli impegni presi dal Governo «la creazione di una rete scientifica ed epidemiologica coordinata a livello nazionale, il potenziamento quantitativo e formativo del personale sanitario, l’incremento del Fondo per l’Autismo, l’individuazione di un sistema di valutazione a monte, il potenziamento dell’assistenza domiciliare e l’individuazione di percorsi lavorativi per i pazienti. Un’ulteriore dimostrazione concreta di come il Parlamento e il Ministero siano consapevoli e abbiamo a cuore il fenomeno. Basti pensare che solo nel nostro Paese, la sindrome dello spettro autistico colpisce 1 bambino ogni 77, nella fascia di età 7-9 anni, e si calcola che le persone che ne soffrono siano tra le 300 e le 500mila».

«L’attenzione del Ministero su questi temi è massima– spiega Costa- E numerose sono le attività già poste in essere in questi anni per ridurre i disagi delle persone più fragili della nostra società e dei loro familiari. Il nostro obiettivo è creare le condizioni affinché nessuno cittadino venga lasciato indietro. Grazie al “Fondo per la cura dei soggetti con disturbo dello spettro autistico”, le cui risorse disponibili sono state aumentate di 20 milioni per il solo anno 2020, è stato possibile, tra le altre iniziative, aggiornare le linee di indirizzo per la promozione e il miglioramento della qualità e dell’appropriatezza degli interventi assistenziali; individuare le linee guida per la diagnosi e il trattamento delle persone con disturbi dello spettro autistico in tutte le età della vita; promuovere, di concerto con le Regioni, progetti di ricerca; istituire e implementare una rete curante territoriale, finalizzata al riconoscimento, diagnosi e intervento precoce dei bambini (0-6 anni) affetti da autismo; rafforzare la formazione per educatori, operatori sanitari e familiari».

«Nella gestione e nell’assistenza socio sanitaria a questi pazienti sarà cruciale utilizzare in maniera efficiente e ottimale le risorse previste dal Pnrr. La valorizzazione dei servizi assistenziali rappresenta infatti una delle priorità del Piano, volto a migliorare la presa in carico dei cittadini nella loro complessità di bisogni di servizi sanitari e socio assistenziali» conclude Costa.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche