diaverum sanità

«Lotta al Coronavirus, si garantisca a tutti i medici la salvaguardia assicurativa»

27 Novembre 2020

Ugl Medici e Ugl Sanità sollecitano i vertici delle aziende sanitarie siciliane ad intervenire sul tema della responsabilità professionale, in particolare la "colpa grave".

 

di

PALERMO. Una nota per porre l’attenzione sulla responsabilità professionale ed in particolare la “colpa grave” che vede coinvolti i dirigenti medici impegnati nella lotta al Covid-19.

È stata inviata dalle sigle sindacali regionali Ugl Medici e Ugl Sanità  ai vertici delle aziende sanitarie siciliane, per sottolineare che «con l’aumentare dei casi e l’incremento in corsia di professionisti provenienti dai reparti ospedalieri affini ed equipollenti, rispetto alla materia medica interessata dall’epidemia da Coronavirus, ci siamo preoccupati della questione relativa ai profili di responsabilità che potrebbero essere addebitati ai camici bianchi».

I segretari regionali, rispettivamente Raffaele Lanteri e Carmelo Urzì, aggiungono: «A livello di copertura assicurativa da eventuali colpe, ogni dirigente medico è tutelato nell’ambito della propria disciplina, se ha stipulato la polizza. Quando in un reparto Covid vengono chiamati a prestare servizio dirigenti specializzati in materie diverse da quella trattata- anche se affini e/o equipollenti, per non parlare di quelle che non rispondono nemmeno a questo criteri- è ovvio che decadono le coperture assicurative per gravità delle colpe».

Raffaele Lanteri

«In questo senso- concludono Lanteri e Urzì- chiediamo ai vertici delle aziende sanitarie ed ospedaliere siciliane di chiarire con immediatezza quali siano le soluzioni per garantire la massima salvaguardia ai lavoratori impegnati in prima linea a lottare per salvare vite da questo terribile virus. Ci rivolgeremo anche all’Assessorato regionale della salute, perchè possa vigilare su questa vicenda a difesa delle sue preziose risorse umane».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV