Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Salute e benessere

L'approfondimento

Lotta a leucemia e mieloma, la nuova frontiera è la terapia “CAR T CD44v6”

L'avanzamento dello studio è stato presentato da MolMed S.p.A. (MLMD.MI) al 2nd European CAR T Cell Meeting di Sitges, a Barcellona.  Ad illustrare i progressi del trial clinico, quale Principal Investigator dello studio internazionale multicentrico di fase I/II, è stato il professor Fabio Ciceri.

Tempo di lettura: 5 minuti

L’avanzamento dello studio “CAR T CD44v6” per la leucemia mieloide acuta e il mieloma multiplo è stato presentato da MolMed S.p.A. (MLMD.MI, nella foto copertina) al 2nd European CAR T Cell Meeting di Sitges, a Barcellona.

Ad illustrare i progressi del trial clinico, quale Principal Investigator dello studio internazionale multicentrico di fase I/II, è stato il professor Fabio Ciceri, ordinario di Ematologia presso l’Università Vita- Salute San Raffaele, di Milano; primario delle Unità di Ematologia e Trapianto di Midollo Osseo e Oncoematologia, dell’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, di cui è anche coordinatore per la ricerca clinica.

Molmed è un’azienda che punta a ricerca, sviluppo, produzione e validazione clinica di terapie geniche e cellulari per la cura del cancro e delle malattie rare e sta sviluppando una piattaforma terapeutica basata su Chimeric Antigen Receptor (CAR), sia autologhi che allogenici, in sviluppo clinico e preclinico.

Il candidato più avanzato, è appunto “ CAR-T CD44v6”, che ha ricevuto a marzo 2019 l’autorizzazione per entrare nella sperimentazione sull’uomo in indicazioni onco-ematologiche (AML e MM), dopo aver condotto un’ampia fase di sviluppo preclinico.

PROGETTO EURE- CAR T

La sperimentazione clinica multicentrica di fase I/II di CAR T CD44v6 rientra nel progetto EURE- CART (finanziato su Horizon 2020) di cui Molmed è coordinatore. Lo studio coinvolge 5 centri clinici (Ospedale San Raffaele- centro coordinatore – ospedale pediatrico Bambin Gesù di Roma, e tre nei Paesi Europei: Spagna, Germania e Repubblica Ceca).

La Car-t anti- CD44v6 si inspira, dunque, alla ricerca di innovative terapie volte a ingegnerizzare geneticamente le cellule del sistema immunitario “insegnando” loro a riconoscere i tumori e, dunque, a sostenere la risposta del sistema immunitario (che già normalmente fornisce una difesa naturale contro il cancro) del paziente.

Avanzamento del trial clinico “ CAR-T CD44v6”

Nella CAR-T CD44v6 i linfociti T vengono dotati di un recettore che riconosce una specifica molecola (denominata appunto CD44v6), che è poco espressa nei tessuti sani, mentre può essere presente sulla membrana delle cellule del mieloma multiplo e delle leucemie mieloidi acute. CD44v6 oltre a caratterizzare queste cellule tumorali sembrerebbe avere un ruolo chiave nel loro sviluppo.

Il prof. Fabio Ciceri oltre ad aver evidenziato gli aspetti innovativi del protocollo e le principali tematiche autorizzative e di implementazione affrontate con le autorità regolatorie dei paesi europei partecipanti allo studio, secondo quanto si legge nella nota diffusa da MolMed S.p.A. (MLMD.MI), circa l’aggiornamento del trial evidenzia: «A partire dall’ultimo trimestre 2019 sono stati arruolati 4 pazienti, 3 presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano e uno presso la Fakultni Nemocnice S Poliklinikou di Ostrava (Repubblica Ceca). Di questi 1 è risultato eleggibile per il trattamento ed è stato sottoposto ad infusione a fine dicembre scorso, presso l’IRCCS Ospedale San Raffaele di Milano, al dosaggio minimo previsto dal protocollo di dose escalation (entry level) della fase I/II. A tutt’oggi il paziente non ha manifestato alcuna reazione avversa riconducibile alla terapia sperimentale».

Il prof. Fabio Ciceri

Trattandosi di uno studio di fase I/II, quindi, di prima applicazione sull’uomo, è importante rammentare che sicurezza e tollerabilità della terapia sono un obiettivo primario, a cui seguirà l’osservazione dei primi segnali di efficacia terapeutica.

Prosegue, quindi l’attività di identificazione e selezione dei pazienti presso i Centri partecipanti allo studio, al fine di ampliare il numero dei soggetti trattati, verificare la sicurezza e l’attività terapeutica del CAR-T CD44v6 ed individuare la dose ottimale.

Ciceri ha concluso: «Sono soddisfatto che finalmente lo studio sia iniziato in Italia e nella Repubblica Ceca e mi auguro che possa iniziare a breve anche in Germania e Spagna, così da avere un contributo all’arruolamento da parte di tutti i paesi partecipanti a questo progetto innovativo, supportato da un finanziamento della Commissione Europea».

MolMed S.p.A. è la prima società in Europa ad aver ottenuto l’autorizzazione alla produzione GMP per il mercato di terapie geniche e cellulari sia per prodotti propri che per conto terzi e/o in partnership (Strimvelis, terapia genica di Orchard per la cura dell’ADA-SCID).

Si tratta di un’azienda biotecnologica, fondata nel 1996 come spin-off accademico dell’Istituto Scientifico San Raffaele e dal marzo 2008 è quotata sul mercato MTA di Borsa Italiana, con sede legale e operativa a Milano, presso il Dipartimento di Biotecnologie (DIBIT) dell’Ospedale San Raffaele e una sede operativa a Bresso presso OpenZone.

L’European CAR T Cell Meeting di Sitges, di Barcellona, è un evento promosso dalle due principali organizzazioni dedicate alla cura dei tumori del sangue, la European Society for Blood and Marrow Transplantation (EBMT) e la European Hematology Association (EHA) – che ha riunito ematologi, oncologi, società del settore e rappresentanti delle organizzazioni dei pazienti di tutto il mondo – con l’obiettivo di offrire un quadro completo degli attuali sforzi della ricerca per aumentare l’accesso alle terapie CAR-T in Europa, USA e Asia e fornire aggiornamenti sui significativi sviluppi di queste terapie innovative, promuovere iniziative precliniche e cliniche a livello europeo e sensibilizzare tutti gli stakeholder coinvolti sul potenziale valore di questa nuova classe di terapie.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati