Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Farmacia

Protocollo d'intesa tra Federfarma, Ordine e Ipasvi

L’infermiere in farmacia? A Caltanissetta desiderio esaudito

Firmato un protocollo di intesa tra gli infermieri del collegio Ipasvi, l’Ordine dei Farmacisti e Federfarma Caltanissetta. Prelievi, medicazioni e flebo potranno essere effettuati in piccoli ambulatori allestiti all’interno delle farmacie che aderiranno.

Tempo di lettura: 2 minuti

CALTANISSETTA. Firmato un protocollo di intesa tra gli infermieri del collegio Ipasvi, l’Ordine dei Farmacisti e Federfarma Caltanissetta per realizzare il progetto “L’infermiere in Farmacia” sul territorio nisseno.

L’iniziativa consentirà ai cittadini di usufruire di alcune prestazioni infermieristiche direttamente in farmacia dove saranno avviate anche delle campagne di prevenzione. Prestazioni come prelievi, medicazioni, flebo, potranno essere effettuate in piccoli ambulatori allestiti all’interno delle farmacie che aderiranno al progetto o direttamente a domicilio.

Presenti alla firma del protocollo la presidente di Federfarma, Mariella Ippolito, il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta Carmelo Iacono, il presidente provinciale Ipasvi Roberto Cammarata e il vicepresidente Alfonso Guarino.

«Considerano- afferma Mariella Ippolito– la situazione socioeconomica nella nostra provincia, l’aumento del numero di cittadini con esigenze di ospedalizzazione a domicilio, l’accresciuto bisogno di interventi assistenziali di limitata entità e la sempre maggiore deospedalizzazione, abbiamo deciso di siglare questa proficua collaborazione che consentirà di usufruire di prestazioni assistenziali di qualità erogate da professionisti accreditati, contrastando allo stesso tempo le forme di abusivismo e di lavoro nero».

«Secondo una ricerca commissionata dalla Federazione Nazionale Ipasvi di Roma- ha affermato Roberto Cammarata– durante il 2014 ben 1.700.000 italiani hanno usufruito di prestazioni infermieristiche erogate privatamente, cosa che ci ha spinto a cercare soluzioni per fornire prestazioni qualificate a tutti coloro che ne hanno bisogno».

Le parti che hanno siglato l’accordo si sono impegnate a patrocinare in futuro iniziative di educazione sanitaria, al fine di informare i cittadini sulla corretta assunzione di farmaci, screening tumorali, campagne vaccinali.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati