Emergenza urgenza

Il riconoscimento

L’incendio in una villa a Palermo: encomio della Seus ai tre soccorritori del 118 che hanno salvato un disabile

A nome del C.d.A. il presidente Riccardo Castro ha sottolineato a Pasquale Motisi, Pio Capra e Davide Ingargiola: “Siamo orgogliosi di voi”.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Un encomio a tre soccorritori del 118 per avere tratto in salvo un disabile nel corso di un incendio scoppiato nei giorni scorsi in una villa a Palermo. È il riconoscimento che il presidente della Seus, Riccardo Castro, ha loro comunicato personalmente a nome del C.d.A. (composto anche da Pietro Marchetta e Maria Stella Marino) della società partecipata della Regione che cogestisce il servizio di emergenza-urgenza in Sicilia. «Siamo orgogliosi di voi, rappresentate un perfetto esempio della professionalità e dello spirito di sacrificio degli operatori del 118», ha sottolineato Castro ricevendo in presidenza Pasquale Motisi e Pio Capra. L’encomio è stato rivolto anche a un terzo soccorritore, Davide Ingargiola, che non ha potuto essere presente all’incontro.

Come reso noto dalle cronache l’intervento è stato effettuato in una villa di Palermo, nella zona di Cardillo. Sabato scorso all’inizio della mattina è stato segnalato un incendio e sul posto sono accorsi subito e per primi gli equipaggi di due ambulanze del 118, entrambe partite dalla vicina postazione di Sferracavallo: la “21”, medicalizzata con a bordo il soccorritore della Seus Pasquale Motisi, il medico Alessandra Mazza e l’infermiere Claudio Gucciardo, e la “48”, mezzo di soccorso base con i soccorritori Pio Capra e Davide Ingargiola.

Al loro arrivo la villa era invasa dal fumo proveniente da un incendio scoppiato nel salone, poi domato dai vigili del fuoco. «Io e i due colleghi soccorritori abbiamo tratto in salvo un disabile che, disorientato, era all’interno della sua stanza e non si era reso conto di nulla, mentre il medico e l’infermiere insieme alla polizia si sono occupati di due coniugi che erano nella loro stanza da letto», sottolinea Pasquale Motisi. A tutti e tre è stato somministrato ossigeno e poi è seguito il trasporto precauzionale in pronto soccorso per accertamenti.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche