Dal palazzo

L'iniziativa

Legionellosi, esperti a confronto in un convegno a Caltanissetta

Promosso dal Dasoe guidato da Salvatore Requirez. Sottolineata l'importanza del monitoraggio sia ambientale che clinico.

Tempo di lettura: 2 minuti

Si è svolto nella sede del Consorzio universitario di Caltanissetta il convegno “La visione one health della legionellosi” promosso dall’Assessorato regionale della Salute e, in particolare dal dirigente generale del Dasoe, Salvatore Requirez. Nell’aula magna, gremita, si è disquisito su “Legionella nell’ambiente” e sulla “Legionellosi umana”.

Sono state discusse, in base alla materia di interesse dei relatori presenti, le cause della presenza del microrganismo a livello ambientale e la diffusione dello stesso e sono gettate le basi per un percorso formativo e informativo sulla legionella e la legionellosi. Dopo la prima tappa nissena, infatti, il congresso toccherà anche gli altri capoluoghi di provincia siciliani.

La giornata ha visto la partecipazione delle autorità del territorio e la presenza di relatori provenienti da tutta la regione. È stato posto l’accento sul modo in cui la legionella si diffonde e quali atti possono essere messi in campo per evitare la presenza in carica elevata e la circolazione. È stata sottolineata l’importanza del monitoraggio sia ambientale che clinico.

Inoltre, dopo le relazioni, dei momenti importanti di riflessione e confronto quelli dedicati alle tavole rotonde, mediate da Paolo Gervaso (direttore dipartimento di prevenzione Asp2 Caltanissetta) e Benedetto Trobia (direttore di presidio) la prima e Maria Andriolo (direttrice Uoc di Patologia clinica dell’ospedale S. Elia di Caltanissetta) e Fabrizio Pulvirenti (direttore Uoc Malattie infettive presidio ospedaliero di Gela) la seconda, dove esponenti delle forze dell’ordine, della cittadinanza attiva, dell’Asp2 Caltanissetta e di altre istituzioni hanno discusso su quanto è stato fatto e quanto possa essere messo in campo per arginare il fenomeno ove presente o come evitare il sopravvenire dello stesso.

È stato evidenziato che la diffusione della legionella avviene attraverso l’acqua, in tutte le sue forme, essendo il microrganismo veicolato da aerosol può essere facilmente inalato attraverso le mucose delle prime vie respiratorie; sono stati evidenziate, quindi, le procedure da attuare da parte delle istituzioni e dai cittadini.

Responsabili scientifici del convegno Maria Andriolo (direttrice Uoc di Patologia clinica dell’ospedale S. Elia di Caltanissetta), Giovanni Mazzola (direttore dell’Uoc di Malattie infettive del nosocomio nisseno) e Teresa Fasciana ( laboratorio di riferimento di Palermo. Presidenti Anna Giammanco (coordinatrice del laboratorio di riferimento regionale per la sorveglianza e controllo della legionellosi di Palermo) e Mario Palermo, responsabile servizio 4 del Dasoe.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche