Dal palazzo

L'appello

Legge sul fine vita, Trizzino: «Sia approvata dal Parlamento»

Da deputato è stato relatore del disegno di legge sul suicidio assistito e sul diritto di ognuno disporre della propria vita.

Tempo di lettura: 2 minuti

In merito alla notizia della morte della donna triestina, affetta da sclerosi multipla, tramite la pratica medica del suicidio assistito, Giorgio Trizzino (nella foto), relatore da deputato del disegno di legge sul suicidio assistito, ritiene che occorra intervenire con urgenza a livello culturale, aprendo un dibattito, e a livello politico.

«Il diritto di disporre della propria vita è argomento molto controverso e lo è ancora di più quello di andarsene- sottolinea- La cultura contemporanea non riesce ad affrontare questo dibattito a viso scoperto senza imbattersi nella retorica di chi vorrebbe confinare il fine vita ad argomento tabù che non riguarda la libertà di scelta di ogni essere umano. Siamo liberi o no di congedarci dalla vita quando non la riteniamo più degna di essere vissuta? Ci deve essere imposto di continuare a viverla? È questo il vero interrogativo che concerne la “nostra’’ vita.

Trizzino aggiunge: «Ieri Anna, una malata triestina affetta da sclerosi multipla, ha scelto di morire dopo che il tribunale si era espresso favorevolmente alla sua richiesta autorizzando la procedura per la morte medicalmente assistita. C’è da chiedersi se sia giusto che Anna abbia dovuto attendere mesi prima di porre fine alle sue sofferenze. C’è da chiedersi perché l’attuale parlamento non approvi la legge che è stata sollecitata dalla Corte Costituzionale nell’ormai lontano 2019. C’è da chiedersi perché il riconoscimento dei diritti dei cittadini passi sempre in secondo piano nell’agenda dei partiti”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche