Le voci siciliane dei SeiOttavi per sensibilizzare alla lotta contro il mieloma multiplo

20 Maggio 2016

Iniziativa il 30 e 31 maggio in alcune fermate delle metropolitane di Milano e Roma, nell’ambito della campagna «Amplificami» (realizzata da Amgen con il patrocinio di FAVO onlus).

 

di

ROMA.  Un coro di sei voci che in una normale mattinata lavorativa si solleva al di sopra del frastuono cittadino. Melodie trascinanti e contagiose, che invoglieranno i passanti a unirsi al gruppo vocale per cantare hit celebri del canzoniere nazionale e mondiale.

Tutto questo succederà il 30 e il 31 maggio a Milano e Roma, rispettivamente, nell’ambito della campagna Amplificami, realizzata da Amgen con il patrocinio di FAVO onlus (Federazione Italiana delle Associazioni di Volontariato in Oncologia) per “dare voce” ai bisogni, alle speranze e ai diritti delle persone con Mieloma Multiplo e richiamare l’attenzione su questo tumore del sangue di cui si parla ancora troppo poco.

Teatro della campagna alcune stazioni della metropolitana delle due città dove il gruppo vocale I SeiOttavi (nella foto tratta dal loro sito internet), già concorrente del talent show X-Factor, eseguirà performance musicali “estemporanee” in superficie, accompagnate da attività di sensibilizzazione all’interno delle stazioni.

Oltre a “dare voce” ai pazienti, obiettivo di Amplificami è promuovere la solidarietà nei loro confronti e mettere in luce le prospettive che si stanno aprendo nel trattamento del Mieloma Multiplo, per il quale sono in arrivo importanti novità terapeutiche in grado di migliorare significativamente sopravvivenza e qualità della vita.

«La mission di FAVO è offrire supporto alle persone colpite da tumore, far emergere i bisogni dei pazienti e delle loro famiglie e garantire il riconoscimento dei loro diritti- dichiara Francesco De Lorenzo, presidente FAVO– Siamo particolarmente attenti a dare voce ai malati di tumori rari perché per questo tipo di neoplasie sono molto poche, o addirittura assenti, le associazioni che li rappresentano. Tra queste, il Mieloma Multiplo, una malattia del sangue considerata rara, certamente poco conosciuta e di cui si parla molto meno rispetto ad altri tipi di tumore».

Una nuova speranza nel trattamento del Mieloma Multiplo arriva da carfilzomib, in grado di aumentare la sopravvivenza senza progressione di malattia e che rappresenta una valida opzione per i numerosi pazienti in cui si verifica una recidiva.

«Amgen avverte la propria responsabilità nel supportare iniziative come Amplificami, che abbiano l’obiettivo di rendere il paziente attore informato e protagonista e non semplice spettatore delle decisioni che riguardano la sua salute- afferma Ermanno Paternò, Medical Director Amgen– Il nostro contributo alla qualità di vita dei pazienti è già inscritto nel valore dei nostri farmaci: carfilzomib, oltre a migliorare la sopravvivenza, presenta un buon profilo di tollerabilità, con un impatto contenuto in termini di effetti collaterali.

«Con l’introduzione dei nuovi farmaci la sopravvivenza mediana dei pazienti è quasi raddoppiata. Questo dato è molto più significativo nella popolazione più anziana, non candidabile alle strategie trapiantologiche, e ha di fatto rivoluzionato la storia naturale della malattia», afferma Valerio De Stefano, direttore Area di Ematologia presso la Fondazione Policlinico Gemelli di Roma.

Il gruppo vocale I SeiOttavi si esibirà per 30’ con performance estemporanee in prossimità delle stazioni. Inoltre, nelle aree antistanti i tornelli di ingresso saranno allestiti corner in cui saranno distribuiti l’opuscolo “10 cose da sapere sul Mieloma Multiplo” e i gadget della campagna, che proseguirà la sua vita anche sul web con una pagina dedicata sul sito www.favo.it, dalla quale sarà possibile scaricare il materiale informativo. Per seguire la campagna anche su Facebook e Twitter: #amplificami.

La campagna Amplificami si articola in due giornate di sensibilizzazione:

  • lunedì 30 maggio a Milano: Stazione Centrale, Garibaldi, Duomo e Cadorna
  • martedì 31 maggio a Roma: Policlinico, Bologna, San Giovanni e Ottaviano

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV