cimo giuseppe bonsignore

ASP e Ospedali

L'accusa

«L’Asp di Agrigento dà priorità al concorso invece di stabilizzare: intervenga Volo»

Il sindacato contesta la procedura scelta per i nefrologi e rende noto un ricorso al Tar.

Tempo di lettura: 3 minuti

AGRIGENTO. «Dopo la firma del Protocollo d’intesa sulle stabilizzazioni dei precari della sanità, non tutte le ASP sembrano avere recepito gli input dell’assessore regionale della Salute Giovanna Volo, in particolare quello di dare la priorità alle stabilizzazioni rispetto alle procedure concorsuali».

Cimo Sicilia: priorità alle stabilizzazioni

Lo dichiara il segretario regionale della Cimo Sicilia Giuseppe Bonsignore (nella foto) che aggiunge: «Per la direzione aziendale dell’ASP di Agrigento le stabilizzazioni vanno fatte, ma non per tutti. Con una recente delibera in cui vengono avviate le procedure di stabilizzazione, l’Asp ha infatti escluso, immotivatamente, ben cinque posti da destinare ad altrettanti dirigenti medici già da tempo con contratto a tempo determinato e in possesso dei requisiti per la trasformazione del contratto a tempo indeterminato».

Sotto accusa il concorso per nefrologi

«Per la sola Nefrologia– continua Bonsignore- la scelta è stata quella di espletare una nuova procedura concorsuale, nonostante vi sia ormai una consolidata giurisprudenza che ha più volte sancito come le stabilizzazioni siano prioritarie rispetto a mobilità e concorsi e dimenticando che la stessa Costituzione Italiana all’art. 97 dispone che i pubblici uffici sono organizzati in modo che siano assicurati il buon andamento e l’imparzialità dell’amministrazione».

Ricorso al Tar per gli esclusi dalla stabilizzazione

«Ad Agrigento, dopo aver provato inutilmente a far presente alla direzione aziendale che prima di espletare procedure concorsuali è prioritario verificare tutti le posizioni da destinare alla stabilizzazione- sottolinea il sindacalista- si è dovuto adire un ricorso al TAR, sostenuto da CIMO e presentato dai cinque Nefrologi esclusi dalla procedura di stabilizzazione. La direzione aziendale ha scelto di espletare un concorso pubblico, in barba oltre che a reiterati input assessoriali anche a Sentenze del Consiglio di Stato, ultima in ordine di tempo quella del 14 febbraio 2022, nella quale viene ancora una volta ribadita la prevalenza della stabilizzazione rispetto alle procedure concorsuali rispetto alle quali le Aziende ed Enti della Pubblica Amministrazione devono motivare la scelta, tenendo conto delle finalità di contenimento della spesa, in relazione ai costi derivanti dall’espletamento delle nuove procedure concorsuali».

Chiesto l’intervento dell’assessore Volo

«Auspichiamo, ancor prima della pronuncia del TAR- conclude Bonsignore- l’intervento dell’Assessore regionale della Salute per riportare nei binari della legittimità le azioni intraprese dal Commissario Straordinario dell’ASP di Agrigento, dott. Mario Zappia, e allo stesso tempo per evitare che altri intraprendano percorsi difformi a quanto concordato tra Assessore e Organizzazioni sindacali e previsto da norme di legge e plurime sentenze».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche