ASP e Ospedali

I dettagli

Lampedusa, giovane ivoriana dopo lo sbarco partorisce una bimba

Nel Poliambulatorio dell'Asp di Palermo: è il secondo episodio simile nell'arco degli ultimi 12 giorni.

Tempo di lettura: 2 minuti

Sette ore dopo lo sbarco al Molo Favaloro, una giovane ivoriana ha messo alla luce una bambina nel Poliambulatorio dell’Asp di Palermo a Lampedusa. Subito dopo l’approdo alle 22 circa nell’isola insieme ad altre 44 persone (31 uomini, 12 donne e 2 minori), la donna è stata trasferita nella struttura sanitaria di Contrada Grecale dove l’equipe medica, guidata dal ginecologo, Amedeo Catanese, coadiuvato dall’ostetrica della Croce Rossa, Paola Levratti, ha deciso di attivare immediatamente la saletta chirurgica, già utilizzata 12 giorni fa per la nascita del piccolo Eli.

«La donna era in pieno travaglio- ha spiegato Catanese, ginecologo dell’Asp di Palermo- Insieme al collega rianimatore ed a quello del PTE (Punto Territoriale di Emergenza, ndr), si è valutata l’opportunità di far partorire la donna al Poliambulatorio. Alle 5,23 è avvenuto il parto spontaneo di una bambina di 3,2 kg. che gode di buona salute. Anche la donna, sia pure provata dalla lunga traversata, sta bene. Dopo la visita del pediatra e stabilizzata la situazione, mamma e figlia sono state trasferite con l’elisoccorso in Ospedale ad Agrigento. Fondamentale è stata la collaborazione tra l’intera equipe del Poliambulatorio che è intervenuta in piena sinergia con medico ed ostetrica della Croce Rossa Italiana”.

Nella sala chirurgica, attrezzata dall’Asp di Palermo con kit sterili e kit da parto per eventuale parto precipitoso e non trasferibile, è intervenuta l’equipe composta, oltre che dal ginecologo Amedeo Catanese, dal medico di turno al PTE, Giulio Di Benedetto; dalla pediatra del PPI pediatrico, Gabriella Polizzi; dai rianimatori Alessandra Teresi e Gaetano Ottoveggio; dalle infermiere Maria Raimondo e Antonella Oliveri e dai medici dell’emergenza sbarchi, Elisa Coticchio, Giovanna Vassallo e Veronica Billeci. Presenti, come detto, l’ostetrica della Croce Rossa Italiana, Paola Levratti, ed il medico, sempre della CRI, Francesca Caserio.

«Sono, già, 2 i parti precipitosi e non trasferibili effettuati dai nostri medici nel Poliambulatorio di Lampedusa in questo primo arco del mese di agosto- ho sottolineato il Commissario straordinario dell’Asp di Palermo, Daniela Faraoni– Gli sbarchi sempre più numerosi impongono un impegno continuo e costante da parte di tutti i professionisti presenti nell’isola, ai quali va il ringraziamento dell’Azienda per l’impegno profuso nell’assistenza ai residenti, ai turisti ed ai migranti».

Oltre alla giovane ivoriana ed alla sua bimba, sono state trasferite in elisoccorso questa mattina altre due donne dello stesso sbarco: una alla trentatreesima settimana di gravidanza con “rottura delle membrane” ed un’altra alla trentaquattresima (gemellare con contrazioni).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche