Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
scuole chiuse

Dal palazzo

Intervista all'ex assessore alla Sanità

Lagalla boccia la nuova rete ospedaliera siciliana: «Non ha copertura finanziaria né visione strategica»

L'intervista di Insanitas all'ex assessore alla Sanità, che aspira ad assumere la stessa delega in un eventuale giunta Musumeci.

Tempo di lettura: 4 minuti

PALERMO. Fu assessore alla Sanità ai tempi di Cuffaro, aspira ad esserlo nell’eventuale giunta Musumeci. Roberto Lagalla (nella foto) boccia su molti punti la nuova rete ospedaliera siciliana targata Crocetta e Gucciardi, ma premette: «Anzitutto, mai parlare di vittoria prima di averla conseguita. Se verrà, sono certo che  il governo Musumeci saprà individuare le deleghe in coerenza con le storie personali e le competenze di  ogni singolo assessore».

Come giudica la nuova rete ospedaliera siciliana?

«Penso che sia politicamente condizionata e non rispondente alle reali esigenze del sistema sanitario regionale, che merita un più generale riordino, dovendo tendere sia alla riqualificazione dell’assistenza ospedaliera che alla valorizzazione della medicina territoriale, dimenticata da sempre. Inoltre, il modello ospedaliero proposto dall’attuale assessore manca di effettiva sostenibilità finanziaria e di una qualsivoglia visione strategica, capace di affrontare le sfide  della sanità moderna».

Intanto, le assunzioni sono partite…

«Sono la spia evidente dell’attuale fibrillazione elettorale e non sempre rispondono ai necessari criteri di ragionata programmazione e di  valutazione critica del fabbisogno. D’altra parte, trattandosi, in massima parte, di scorrimenti  di graduatorie preesistenti, non potrebbe che essere così. Il rischio è quello di appesantire  impropriamente i costi della sanità e di non soddisfare le effettive esigenze di copertura degli  organici che, da qui a breve, si dimostreranno fortemente squilibrati, con inevitabili  conseguenze sulla qualità dell’assistenza ospedaliera».

Molte proteste giungono dal 118

«Un servizio essenziale per la gestione delle urgenze sanitarie. Merita maggiore attenzione dal governo regionale, in relazione alla necessità di sciogliere nodi irrisolti: trattamento economico e posizione contrattuale del  personale soccorritore, criteri di reclutamento e di utilizzazione di medici ed infermieri,  modello organizzativo del servizio e innovazione della tecnologia a disposizione. Le ambulanze non medicalizzate concorrono alla realizzazione del servizio e possono  coprire solo alcune esigenze di soccorso, con caratteri di limitata gravità, a condizione che il  dispiegamento delle vetture sul territorio consenta, in tempi brevi, l’intervento infermieristico o quello medico nei casi più gravi. La domanda è una conferma della necessità di rivedere  complessivamente il modello operativo del 118 siciliano».

Cardiochirurgia pediatrica, quale la sede migliore?

«Così come altre specialità medico-chirurgiche per l’età infantile, oggi carenti, è una fondamentale componente della sanità pubblica e meriterebbe collocazione in una specifica ed autonoma struttura pediatrica di rilevanza nazionale. Al di là  delle valutazioni che potranno e dovranno essere fatte sull’opportunità di mantenere la sede  di Taormina, è fuor di dubbio che la mancanza di un presidio cardiochirurgico pediatrico a  Palermo, dove la funzione potrebbe giovarsi di una integrazione clinica più solida, merita di  essere corretta, magari attraverso un affidamento delle funzioni all’Ismett, già in condizione  di soddisfare l’esigenza, piuttosto che ricorrere a nuovi e gravosi investimenti in assenza di  una visione più complessiva ed aggiornata dell’assistenza ospedaliera pediatrica in Regione».

Con lei assessore andava così meglio?

«Il piano di rientro, allora voluto dal governo Cuffaro, e da me elaborato nel periodo 2006- 2008, si è dimostrato essenziale per riequilibrare i conti della sanità regionale e per ripensare  i modelli organizzativi, in termini di sostenibilità. Oggi si rende necessario un deciso  aggiornamento di quell’assetto, sia in termini di investimenti che di aggiornamento dei profili  gestionali dell’assistenza. È mancata negli ultimi anni una visione  strategica dell’assistenza sanitaria che ha alimentato l’insoddisfazione dei cittadini e fatto  lievitare i costi di emigrazione dei pazienti in altre regioni italiane».

Ma pure ai suoi tempi c’erano non poche criticità…

«Sono orgoglioso di aver potuto servire la Sicilia in un momento storico di grande difficoltà per il nostro servizio sanitario regionale, che aveva accumulato un  disavanzo di oltre 900 milioni di euro e, conseguentemente, di avere contribuito al ​ progressivo riequilibrio di quella drammatica situazione finanziaria e gestionale. È, peraltro, inevitabile che ogni azione di governo manifesti limiti e manchevolezze e, di certo, non ne  sono mancate anche in quella concitata fase…».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati