Emergenza urgenza

L'appello per il Ddl

L’Aasi: «Si acceleri l’iter per istituire la figura giuridica e professionale dell’autista-soccorritore»

L'associazione guidata da Stefano Casabianca chiede un'audizione sul tema presso la commissione sanità nazionale.

Tempo di lettura: 1 minuto

«A che punto è la discussione sul ddl per istituire la figura giuridica e professionale dell’autista-soccorritore?». Lo chiede l’AASI (Associazione degli autisti-soccorritori italiani) che sollecita una calendarizzazione del tema fra i lavori della Commissione sanità nazionale.

«Il profilo giuridico e professionale dell’autista soccorritore è un punto importante nella ristrutturazione del 118, un sistema di soccorso che è arrivato ormai a compiere trent’anni- afferma il presidente di AASI, Stefano Casabianca– Insieme a tutte le forze sanitarie e scientifiche chiediamo da anni una legge che regolarizzi in modo univoco la figura dell’autista soccorritore in Italia. Per velocizzare i lavori e portare a compimento una riforma che da tempo è ferma nella commissione parlamentare dedicata ai temi sanitari, AASI chiede un’audizione presso la commissione presieduta dall’onorevole Annamaria Parente. L’obiettivo è affrontare insieme i temi sul riconoscimento giuridico e professionale dell’autista soccorritore».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche