Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
fials rsu

Dal palazzo

La nota

La denuncia della Fials Sicilia: «Caos nelle piante organiche e Seus ancora senza vertici»

Il sindacato chiede alla commissione Sanità all'Ars un'audizione per discutere delle criticità del settore.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Ritardi nelle piante organiche, pronto soccorso abbandonati, 118 senza vertici». Lo denuncia la Fials Sicilia, chiedendo alla commissione Sanità all’Ars di un’audizione per discutere delle criticità del settore. In una nota a firma del segretario regionale Sandro Idonea, il sindacato ricorda che «alcune aziende sanitarie, da circa due mesi, hanno avuto approvata la nuova dotazione organica, con la possibilità di bandire i concorsi, accaparrandosi i pochi specialisti di branche sanitarie esistenti, a scapito delle rimanenti aziende, che, di contro, hanno visto “migrare” la loro forza lavoro. La stessa considerazione vale per il personale tecnico e infermieristico».

Secondo la Fials «le aree di emergenza urgenza sono abbandonate al loro destino senza un piano che tenga conto dell’insufficienza del personale, delle insufficienze strutturali e della mancanza di posti letto. Mancano inoltre i nuovi direttori generali, sanitari e amministrativi della Seus 118 e persiste il cronico commissariamento di molte aziende sanitarie».

La Fials ricorda che nonostante le problematiche esposte «l’assessore Razza non ha sentito il bisogno di una convocazione ufficiale, purtroppo non dialoga con tutti i sindacati legittimati alla contrattazione nel comparto sanitario, limitandosi a qualche sporadico incontro con le organizzazioni amiche per scambiare messaggi di progetti e aspettative futuribili, senza affrontare il nostro drammatico presente. Sono, ormai, trascorsi oltre due mesi dall’ultima convocazione della delegazione trattante di categoria, senza che l’assessore alla Salute abbia sentito il bisogno di convocare i sindacati al fine di trovare soluzioni condivise per evitare sovraffollamento dei pronto soccorso, aggressioni medici e infermieri».

Per questo motivo la Fials ha chiesto un’audizione in commissione alla presenza dell’assessore «al fine di conoscere come l’assessore intenda affrontare la questione in questi drammatici mesi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche