Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Operazione dei Nas

«Killer in corsia»: Piombino, arrestata infermiera accusata di aver ucciso 13 pazienti

Operazione dei Nas: i decessi sarebbero stati causati dalla somministrazione di un farmaco fuori terapia.

Tempo di lettura: 1 minuto

PIOMBINO. L’accusa è terribile: un’infermiera professionale dell’ospedale di Piombino avrebbe ucciso 13 pazienti ricoverati nell’Unità operativa di anestesia e rianimazione.

F. B., 55 anni, è stata arrestata dai carabinieri dei Nas in seguito a un’indagine condotta dalla procura di Livorno, con il ricorso anche a videocamere.

Dovrà rispondere di omicidio aggravato plurimo e continuato:  in base all’accusa, i decessi (tra il 2014 e il 2015) sarebbero stati provocati da un’iniezione di un anticoagulante definito “fuori terapia”, l’eparina, che sarebbe stato trovato durante le perquisizioni e dopo le analisi condotte sulle vittime.

Secondo quanto spiega il Tirreno, la donna è stata fermata dai carabinieri al rientro da un viaggio a Parigi. Ora è rinchiusa nel carcere di Pisa.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati