ASP e Ospedali

L'iniziativa

Ismett, l’aula magna intitolata al prof. Luigi Pagliaro

La cerimonia si è svolta alla presenza del presidente della Repubblica, Sergio Mattarella, intervenuto in forma privata per ricordare la figura dell'epatologo siciliano.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. Da oggi la Sala Conferenze di IRCCS ISMETT diventa ufficialmente “Aula Magna Luigi Pagliaro”. La cerimonia di intitolazione si è svolta questo pomeriggio alla presenza del Presidente della Repubblica Italiana, Sergio Mattarella, intervenuto in forma privata per ricordare la figura del Professore Pagliaro, epatologo siciliano di fama nazionale e internazionale.

ISMETT ed il suo staff sono strettamente legati alla figura del prof. Luigi Pagliaro, alla cui lungimiranza si deve la nascita dell’Istituto Mediterraneo. Nel 1996, infatti, il professore è stato tra gli artefici dell’accordo tra la Regione Siciliana e UPMC, il centro medico dell’Università di Pittsburgh, per la creazione del primo centro di trapianti multiorgano in Sicilia. Fino ad allora, i pazienti siciliani che necessitavano un trapianto di organo dovevano recarsi al Nord o all’estero, affrontando lunghi periodi di lontananza dai loro cari, difficoltà linguistiche e costi economici difficilmente sostenibili.

La dichiarazione di Angelo Luca

«Luigi Pagliaro- ha ricordato Angelo Luca, direttore di Ismett- è sempre stato un uomo discreto e rispettoso mai motivato da interessi personali. Anche dopo aver creato Ismett e averne visto i primi risultati, non ha cercato cariche o riconoscimenti. L’importante per lui era sapere che la struttura che aveva contribuito a creare fosse una realtà consolidata, un centro di eccellenza per la cura dei pazienti e la ricerca, dove l’innovazione fosse al servizio della salute e della vita delle persone. Certo non immaginava che Ismett avrebbe attratto pazienti da altre regioni o altri Paesi. Da questo punto di vista, la realizzazione del Centro di Ricerca Biomedica della Fondazione Ri.MED a Carini e del nuovo Ospedale Ismett 2 rappresentano il completamento della sua eredità, un ulteriore passo avanti a beneficio dei pazienti e della comunità, rappresentando una straordinaria opportunità di sviluppo economico e sociale per la Sicilia».

Il racconto di Antonio Pagliaro

«Il 9 settembre 2020 una signora anziana e assai loquace vegliava il corpo di mio padre nella cappella di Palazzo Steri- ha raccontato Antonio Pagliaro, figlio di Luigi- Lo ha fatto per cinque lunghe ore, alzandosi quasi mai. A me, che ha capito essere il figlio, ha raccontato la sua storia. La storia era lunga, cominciava con U prufissuri mi rialò ‘a vita, ed era evidente che quella storia, senza prufissuri, non sarebbe stata così lunga, né sarebbe cominciata quella della figlia che sedeva con lei. Un commento Facebook, alla notizia della sua morte, ricordava come il professore Pagliaro si sedesse sul letto del paziente e gli parlasse della malattia, anche in dialetto se necessario. La sua porta era sempre aperta, non aveva anticamere o segretari e chiunque aveva accesso».

Ecco cosa ha detto il rettore Midiri

«Il prof. Pagliaro- ha sottolineato Massimo Midiri, Rettore dell’Università degli Studi di Palermo- è stato capace non solo di trasmettere conoscenze nella didattica, rigore e metodo nella ricerca scientifica, nel pensiero e nell’analisi clinica, ma anche di introdurre una speciale modalità di essere docente, ricercatore e medico».

La cerimonia di intitolazione della Aula Magna si è svolta in forma rigorosamente privata. Hanno partecipato all’evento: il management di ISMETT-UPMC, la famiglia del prof. Pagliaro, i suoi ex allievi (il prof. Luigi Pagliaro è stato direttore della cattedra di Patologia medica, di Clinica Medica e direttore della Scuola di Specializzazione di Gastroentorologia e ha forgiato intere generazioni di medici, ndr). Fra gli ex allievi che sono voluti intervenire alla cerimonia: il Professore Roberto Lagalla, oggi sindaco di Palermo, la dottoressa Giovanna Volo oggi Assessore alla Sanità; il professore Massimo Midiri, oggi Rettore dell’Università di Palermo.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche