ASP e Ospedali

I dettagli

Ismett, i sindacati si spaccano sullo stato di agitazione

Fp Cgil, Uil Fpl e Ugl lo mantengono dopo il vertice in prefettura. La Cisl Fp non ha partecipato perchè attende l'incontro del 24 maggio con l'amministrazione.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «L’incontro di ieri in Prefettura, chiesto da Fp Cgil, Uil Fpl e Ugl, ha dato esito negativo: mantengono lo stato di agitazione i lavoratori dell’Irccs Ismett e di Upcm Italy». Lo scrivono le tre sigle sindacali, che al prefetto hanno esposto le motivazioni che hanno portato alla vertenza. Tra le richieste: «La necessità di avere maggiore trasparenza sulle decisioni del cda relative a riorganizzazione interna e a scelte aziendali». Inoltre sono contestate «la mancanza di risposte specifiche in merito a indennità, assunzioni, dimissioni, trasferimenti, organigramma, incassi attività privata istituzionale e idoneità dei locali della sede amministrativa e hanno elencato le varie note sindacali, ancora in attesa di risposte».

«Abbiamo contestato- dichiarano la segretaria Fp Cgil Francesca Denaro, il segretario provinciale Uil Fpl Alfredo Orofino e Vincenzo Ginnastica, Ugl- la propensione di questa amministrazione verso sigle non firmatarie di contratto, che non hanno nessun diritto di partecipare ai tavoli dove vengono contrattate e concertate le disposizioni di attuazione del contratto nazionale, sottolineando la nullità di eventuali accordi che l’amministrazione dovesse stipulare con soggetti non titolati dal Ccnl». Le tre sigle hanno infine sottolineato «l’importante emorragia di personale sanitario altamente qualificato, attribuibile a stress da lavoro correlato causata da un aumento dei carichi di lavoro per garantire l’altissima qualità offerta da Ismett-Upmc».

Il 29 aprile lo stato di agitazione era stato aperto da Fp Cgil, Cisl Fp, Uil Fpl e Ugl. «Nonostante avesse con noi richiesto l’incontro, la Cisl Fp ha poi ritenuto opportuno non partecipare all’incontro in Prefettura, accogliendo la proposta dell’amministrazione di Ismett- aggiungono Fp Cgil, Uil Fpl e Ugl  di un incontro sindacale convocato per venerdì 24 maggio pur in assenza, al momento attuale, di qualsiasi atto o risposta e interrompendo, in tal modo, quell’unità fra le organizzazioni sindacali e quel percorso comune avviato in precedenza tra tutte le sigle firmatarie del contratto Aiop Sanità Privata applicato da Ismett-Upmc».

L’amministrazione ha dichiarato di voler ripristinare il corretto sistema di relazioni sindacali. «Siamo stati invitati a partecipare all’incontro di dopodomani, proposto successivamente all’attivazione della procedura di raffreddamento da noi avviata con la Prefettura. Ma noi- proseguono Francesca Denaro, Alfredo Orofino e Vincenzo Ginnastica- abbiamo chiarito e ribadito che finché non otterremo risposte preventive e dati concreti su tutte le richieste formulate in precedenza, non siamo disposti a confrontarci e a revocare lo stato d’agitazione. E continueremo con le nostre legittime azioni sindacali, se necessario anche inasprendole, a tutela dei diritti di tutte le lavoratrici e i lavoratori di Ismett».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche