coronavirus gridelli

Ismett, arriva la terza certificazione di qualità Gridelli: «Premiati i nostri sforzi»

25 Novembre 2015

L'accreditamento è giunto da parte della Joint Commission International, l’Organizzazione che valute le cure che i pazienti ricevono in ospedale. Il direttore dell'Istituto per i Trapianti: «Un'ulteriore conferma del buon uso che facciamo delle risorse messe a disposizione dal governo regionale».

 

di

PALERMO. La Joint Commission International (JCI), l’organizzazione che certifica sicurezza e qualità delle cure che i pazienti ricevono in ospedale ha emesso per la terza volta consecutiva l’accreditamento per l’Ismett (Istituto mediterraneo per i trapianti) di Palermo.

Il riconoscimento è giunto in seguito ad una verifica durata quattro giorni – dal 26 al 29 ottobre – effettuata da una commissione internazionale che ha valutato più di 300 standard di sicurezza e qualità della vita all’interno della struttura, compresi gli aspetti riguardanti la diagnostica e la farmacia, la gestione dei macchinari e dell’edificio, solo per nominarne alcuni.

Il primo sì risale al 2009, a seguito del quale sono seguiti gli altri ad intervalli di tre anni. Bruno Gridelli, direttore dell’Istituto mediterraneo per i Trapianti: «Tutto il personale di Ismett e Upmc continua a lavorare intensamente per fornire le migliori cure possibili in un ambiente sicuro per i pazienti, le loro famiglie e i lavoratori. Il successo della rigorosa valutazione esterna da parte della Jci è un’ulteriore conferma del buon uso che l’Istituto fa delle risorse messe a sua disposizione dal governo regionale».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV