ASP e Ospedali

La polemica

Ismett, Confintesa Sanità: «Siamo noi la sigla più rappresentativa»

Domenico Amato commenta così le dichiarazioni di Fp Cgil, Uil Fpl e Ugl successive al vertice in prefettura.

Tempo di lettura: 1 minuto

PALERMO. «Vorrei sapere se questi signori che si pavoneggiano d’essere titolati a partecipare ai tavoli di contrattazione raggiungano almeno la percentuale del 5% degli iscritti all’interno dell’ISMETT». Lo scrive Domenico Amato (nella foto di Insanitas), segretario Regionale Confintesa Sanità Sicilia, commentando le dichiarazioni di Fp Cgil, Uil Fpl e Ugl successive al vertice in prefettura.

«Ci tengo inoltre a precisare che la fantomatica organizzazione sindacale che non dovrebbe partecipare ai tavoli dai numeri in nostro possesso risulterebbe essere la sigla maggiormente rappresentativa all’interno dell’ISMETT e di gran lunga. Rettifico inoltre un’inesattezza nelle affermazioni di costoro, ricordando che Confintesa Sanità ad oggi è firmatario per adesione del CCNL Sanità Privata AIOP/ARIS. Purtroppo quando la volpe non riesce a raggiungere il grappolo d’uva tende a dire che è acido, Fedro docet».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche