Inizia la stagione dei funghi: l’Asp di Catania potenzia il servizio contro gli avvelenamenti

31 Marzo 2017

Riattivata la reperibilità ospedaliera dell'Ispettorato micologico.

 

di

CATANIA. Sarà riattivato da domani (sabato 1 aprile) il servizio di reperibilità ospedaliera dell’Ispettorato micologico dell’Asp di Catania. Consentirà un intervento immediato del personale micologo su segnalazione telefonica, da parte dei Pronto Soccorso ospedalieri, dei casi sospetti di avvelenamenti da funghi. Dove possibile, per agevolare il riconoscimento dei funghi responsabili di intossicazione è sempre consigliato di portare con sé i residui di funghi crudi e/o cotti.

Gli Sportelli micologici aziendali verranno riaperti a partire dal 15 aprile, mettendo a disposizione ben 15 micologi aziendali da destinare all’attività di controllo ufficiale dei funghi spontanei e che opereranno, dislocati sul territorio come da allegato calendario, i seguenti servizi: esame di commestibilità dei funghi freschi spontanei raccolti da privati ad uso proprio (a titolo gratuito); rilascio certificazione commestibilità dei funghi freschi spontanei destinati alla vendita al dettaglio, ivi compresi quelli destinati alla ristorazione pubblica e ai ristoranti (previo pagamento di € 1 per chilogrammo su c/c 49436850 ASP Catania Causale “diritti sanitari ispettorato micologico”).

Inoltre per favorire il rilascio di certificazione per i funghi destinati alla vendita e ai ristoranti, si ricorda che i venditori, in possesso di certificato di abilitazione alla vendita, potranno acquistare presso le sedi dell’Ispettorato micologico (previo pagamento del corrispettivo tramite c/c postale 49436850 ASP Catania Causale “diritti sanitari ispettorato micologico”) i blocchetti del valore di 10 e 50 euro. Ogni blocchetto sarà composto da 10 buoni da utilizzare frazionatamente per il pagamento dei diritti sanitari con notevole risparmio di tempo e semplificazione della procedura.

Ai sensi della vigente normativa nazionale (L. 352/93 e D.P.R. 376/95) e della legge regionale n. 3 del 1° febbraio 2006, possono vendere funghi spontanei esclusivamente i commercianti in possesso di certificato di idoneità alla vendita per le singole specie di funghi, riportate sul certificato (che il commerciante è tenuto ad esibire su richiesta dell’acquirente), e tutti i funghi in vendita devono essere preventivamente certificati dai micologi aziendali.

Si raccomanda a tutti i consumatori di richiedere al venditore di esibire il certificato di abilitazione alla vendita e soprattutto di acquistare esclusivamente funghi in possesso della certificazione dell’Asp. Tale certificazione infatti garantisce la commestibilità dei funghi e riporta altresì la data entro la quale gli stessi vanno tassativamente consumati.

Con decreto presidenziale del 4 agosto 2009 (pubblicato su GURS n. 40 del 28/08/2009) sono stati esclusi dalla commercializzazione i funghi a pori rossi Boletus luridus e il Boletus erythtropus, i cosiddetti “mussi ’i voi”, spesso responsabili di intossicazioni che rendono necessario il ricorso al Pronto Soccorso ospedaliero qualora consumati senza seguire le necessarie precauzioni durante la preparazione e cottura.

I micologi aziendali, garantiranno, anche in raccordo con i 58 Comuni della Provincia, il regolare espletamento dell’attività di vigilanza sia sulle vendita di funghi (in occasione di sagre e similari) sia presso i ristoranti. L’ispettorato resterà aperto presuntivamente fino al 30 giugno per riaprire successivamente, in base alla stagionalità, nel periodo autunnale.

Sportelli micologici Asp Catania

 

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV