Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

La sua testimonianza durante un convegno a Messina

Il toccante appello di Giuseppe, da oltre 20 anni in sedia a rotelle: «Si abbattano le barriere architettoniche»

La sua testimonianza durante un convegno organizzato dal Centro neurolesi Bonino Pulejo al liceo classico Maurolico. L'iniziativa è tra quelle previste dalla Giornata regionale delle persone affette da mielolesioni.

Tempo di lettura: 2 minuti

MESSINA. L’Irccs «Bonino Pulejo» ha aderito alla «Giornata regionale delle persone affette da mielolesioni» organizzando un incontro informativo al liceo classico Maurolico (dirigente scolastico Rosario Abbate) che si è tenuto stamattina nell’Aula Magna dell’Istituto.

Molto toccante la testimonianza di Giuseppe Scibilia, 39enne costretto sulla sedia a rotelle in seguito ad un incidente stradale avvenuto quando aveva soltanto 16 anni. Scibilia, che con grande forza di volontà ha continuato a fare tutto ciò che faceva prima del tragico incidente, si è soffermato sull’importanza dell’abbattimento delle barriere architettoniche, ma anche dell’informazione e della prevenzione.

Relatrice del convegno, i cui lavori sono stati moderati dalla giornalista Lilly La Fauci, è stata la neurologa Margherita Russo. La Giornata rientra nell’ambito del progetto di prevenzione e sensibilizzazione promosso dall’Azienda ospedaliera Ospedali riuniti “Villa Sofia- Cervello”.

Le mielolesioni rappresentano una fra le più importanti cause di mortalità e disabilità nel mondo con elevati costi sia per i pazienti che per la società, anche perché colpisce spesso persone in età giovanile (prevalentemente di sesso maschile).

Le lesioni midollari sono per la maggior parte di origine traumatica, causate da incidenti stradali, cadute accidentali, incidenti sportivi e purtroppo sono i giovani i soggetti più colpiti: l’80% di queste persone ha un’età compresa tra i 20 e i 40 anni.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati