Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
cefalù rosario lapunzina

ASP e Ospedali

Coronavirus

Il sindaco di Cefalù dice no al Covid Hospital del Giglio: “scelta folle”

"Attendiamo la risposta dell’assessore e del presidente della Regione e chiediamo al presidente Albano di tornare sui suoi passi" afferma Lapunzina

Tempo di lettura: 2 minuti

Continua, e si fa sempre più acceso il dibattito, sul Covid Hospital del Giglio. Mentre il presidente della Fondazione Giovanni Albano rassicura sul fatto che sono state adottati tutti gli standard di sicurezza (leggi qui), il sindaco di Cefalù Rosario Lapunzina, con una diretta video su facebook alza il tono del dibattito,  chiamando in causa direttamente l’assessore Ruggero Razza, con il quale afferma di essersi sentito telefonicamente. “Ho appreso con certezza quale sarà il percorso che seguiranno i pazienti covid 19 positivi per raggiungere il reparto loro destinato, che si trova al terzo piano, dove per altro ci sono gran parte delle sale chirurgiche che, per tutta la durata dell’emergenza, dovrebbero gioco forza rimanere chiuse. Ebbene – afferma il sindaco – il piano che si vuole adottare prevede l’ingresso del paziente dalla camera calda del pronto soccorso, percorre il corridoio del pronto soccorso, quindi degli ascensori dedicati per arrivare al terzo piano, dove verranno chiuse tutte le sale operatorie. Ho certezza di questo e affermo che si tratta di una follia, alla quale, come autorità sanitaria del Comune di Cefalù, mi opporrò fermamente”. Il sindaco ha detto di attendere domani la risposta definitiva dell’Assessore Razza che si sarebbe riservato di studiare i percorsi prospettati all’interno dell’Ospedale Giglio per verificare se andare avanti con il progetto Covid Hospital di Cefalù o pensare ad altre soluzioni. “Attendiamo la risposta dell’assessore e del presidente della Regione e chiediamo al presidente Albano di tornare sui suoi passi per evitare le conseguenze di una scelta che riteniamo pericolosa per la nostra comunità”.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati