ASP e Ospedali

Intervista a Michele Vecchio

Il primario di Neurologia: «Prelievi degli organi, ecco il team di professionisti del Sant’Elia»

Intervista a Michele Vecchio dopo l'ultimo caso che nell'ospedale di Caltanissetta ha visto come donatore un vigile del fuoco.

Tempo di lettura: 3 minuti

CALTANISSETTA. Non sono molti i prelievi di organi registrati ad oggi all’ospedale Sant’Elia. Si tratta infatti di interventi eccezionali che, per la loro straordinarietà e il valore civico che li caratterizza, hanno da sempre suscitato grande commozione nella collettività.

L’ultimo in particolare, appena ieri, ha riguardato Nunzio Orazio Scicolone, cinquantenne vigile del fuoco, morto per via di un’emorragia cerebellare, che ha colpito cioè la parte del cervelletto (clicca qui per leggere l’articolo). La famiglia ha deciso di donare gli organi suscitando l’ammirazione di migliaia di persone.

Con il proposito di approfondire il tema della donazione degli organi abbiamo intervistato il primario dell’Unità Operativa Complessa di Neurologia Michele Vecchio (nella foto).

Quando può parlarsi di morte cerebrale?

«Questa condizione è codificata da precise disposizioni scientifiche e di legge. Il riscontro di un elettroencefalogramma piatto, associato ad un esame neurologico che attesti il venire meno delle funzioni del cervello, consente, dopo un adeguato periodo di osservazione di determinare lo stato di morte cerebrale. È un percorso rigoroso, ove intervengono professionalità e specifiche registrazioni strumentali che, al di là di ogni ragionevole dubbio, porta alla definizione di tale condizione irreversibile».

Quali professionalità intervengono nel corso di questi delicati interventi?

«Da parecchi anni all’interno dell’Unità Operativa Complessa di Neurologia esiste un team neurologico costituito dai dirigenti medici e dai tecnici di neurofisiopatologia dedicato all’accertamento della morte cerebrale nel momento in cui nel reparto di Rianimazione viene segnalata questa grave situazione. La cornice operativa viene, per legge completata, oltre che dal Neurologo, dal Rianimatore e dalla direzione di presidio, espressione di una pluralità di responsabilità che garantiscono l’assoluta correttezza della procedura. In questo momento così difficile viene presa in carico la famiglia del paziente oggetto dell’accertamento con un adeguato supporto psicologico e spirituale in ragione delle credenze religiose. In questo frangente così delicato emerge la possibilità, una volta concluso l’accertamento di morte cerebrale, di effettuare la donazione degli organi».

Parliamo dell’ultimo caso in ordine di tempo

«Riguardo all’evento che ci ha visti protagonisti in questi giorni approfitto per ringraziare umilmente, a nome dei cinque pazienti che hanno riscoperto nuova vita, i familiari di Nunzio Orazio Scicolone per la grande umanità dimostrata. Un gesto in linea con la vita spesa da questo concittadino, che ha scelto la nobile professione del vigile del fuoco dedicando l’esistenza ad aiutare il prossimo, e che merita l’attenzione della pubblica opinione al fine di sensibilizzare alla pratica della donazione degli organi che, in realtà, rappresenta l’unica motivazione che uomini di scienza come noi mettono in atto con la drammatica procedura di morte cerebrale, al fine di generare nuova vita».

Il ruolo del vostro ospedale?

«Il Sant’Elia, classificato Hub per l’emergenza, rappresenta il terminale naturale in cui convergono molte complessità cliniche che possono determinare le condizioni di un accertamento di morte cerebrale. Si è determinata negli ultimi anni una totale sintonia operativa tra la Neurologia, il direttore di presidio Raffaele Elia e il direttore dell’Unità Operativa Complessa di Rianimazione Giancarlo Foresta che, nel contesto di una collaborazione continua, riescono a rispondere a questa complessa realtà».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.