Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Emergenza urgenza

Fabrizio De Nicola: «Orgoglioso di voi»

Il plauso del dg dell’Asp di Trapani alla task force che accoglie e cura i migranti

Fabrizio De Nicola ha incontrato i due medici e 15 infermieri dell’area di emergenza urgenza del Sant’Antonio Abate che, insieme ai medici del servizio Igiene e sanità pubblica e allo staff di psicologi, sono il braccio operativo sanitario durante gli sbarchi dei migranti al porto di Trapani.

Tempo di lettura: 2 minuti

TRAPANI. «Sono orgoglioso di come la squadra che abbiamo creato per l’assistenza sanitaria ai migranti duranti gli sbarchi opera direttamente in banchina, sia in termini di accoglienza che di gestione delle emergenze, per un punto di triage sottobordo che è divenuto un vero e proprio ospedale da campo».

Lo ha detto il direttore generale dell’Asp di Trapani, Fabrizio De Nicola, incontrando la “task force” di due medici e 15 infermieri professionali dell’area di emergenza urgenza dell’ospedale Sant’Antonio Abate che, insieme ai medici del servizio Igiene e sanità pubblica e all’equipe di psicologi dell’Asp, sono il braccio operativo sanitario pubblico durante gli sbarchi dei migranti al porto di Trapani.

Presenti all’incontro pure Antonio Siracusa (direttore sanitario) e Francesco Di Gregorio (capo del dipartimento di prevenzione dell’Asp ed Event manager agli sbarchi).

«Un approccio il vostro, che non è solo sanitario, con la vostra professionalità posta al servizio degli altri, ma anche di estrema umanità. È a voi, non ad altri- ha concluso De Nicola- che vanno le medaglie e i riconoscimenti».

L’Asp di Trapani ha adottato da tempo misure straordinarie e specifici protocolli operativi per assicurare immediata assistenza agli immigrati.

«Nel 2016, siamo intervenuti per 25 sbarchi- ha detto la dottoressa Loredana Colomba– visitando 10.640 migranti, e svolgendo un filtro sanitario. Abbiamo anche individuato direttamente in banchina dieci casi di tubercolosi, ponendo in essere subito le procedure previste nei casi di malattie infettive». Di Gregorio ha infine comunicato al direttore che domani (giovedì) è previsto un altro sbarco al porto di Trapani di oltre 500 migranti.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati