Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
caltanissetta ospedale sant'elia giovanni mazzola

ASP e Ospedali

Il botta e risposta

Il Nursind: «Carenze di personale nel Nisseno» L’Asp replica: «Reclutati 37 nuovi infermieri»

Secondo il sindacato è piena emergenza negli ospedali Sant'Elia di Caltanissetta e Vittorio Emanuele di Gela. Il dg Caltagirone ribatte: «Stiamo implementando il personale infermieristico».

Tempo di lettura: 2 minuti

CALTANISSETTA. «Un solo infermiere per 15 pazienti, operatori sanitari con 30 anni di servizio spostati da un reparto all’altro senza preavviso, reparti col doppio dei pazienti che potrebbero ospitare”. È piena emergenza negli ospedali Sant’Elia di Caltanissetta e Vittorio Emanuele di Gela secondo il sindacato Nursind che torna a lanciare l’allarme sulla grave carenza di personale infermieristico e di supporto evidenziando ritardi da parte dell’Asp nelle assunzioni.

«Al S. Elia – spiega il segretario territoriale Giuseppe Provinzano– ci sono infermieri di punto in bianco spostati dal blocco operatorio a Malattie infettive, senza preavviso e programmazione. E ancora, non riusciamo a comprendere perché la Terapia intensiva Covid del Sant’ Elia sia ancora chiusa, sovraccaricando di lavoro quella del Vittorio Emanuele di Gela. Tutti i reparti dal pronto soccorso generale covid hanno notevoli difficoltà a fornire assistenza per carenza di personale».

Secondo il sindacato, le cose non vanno meglio all’ospedale di Gela. «Al pronto soccorso covid ad assistere 14-15 pazienti ci sono solamente un infermiere e un operatore sociosanitario- racconta Provinzano- La notte un infermiere e un Oss devono a volte gestire anche fino a 10 posti letto di terapia sub-intensiva, con pazienti positivi al covid che necessitano di supporto ventilatorio non invasivo. La Terapia intensiva covid dell’ospedale di Gela, con personale che potrebbe gestire soltanto 4 pazienti, si ritrova a gestirne 8».

Il direttore generale dell’Asp di Caltanissetta Alessandro Caltagirone ha replicato: «Venerdì scorso abbiamo deliberato il reclutamento di 37 nuovi infermieri che a partire da ieri hanno cominciato a firmare i contratti e progressivamente saranno assegnati nelle aree a maggiore sofferenza di personale, tra queste le terapie intensive e le degenze ordinarie dedicate al covid. Personale che sarà distribuito equamente tra Caltanissetta e Gela».

«Pertanto – conclude il manager – rassereno il sindacato Nursind sul fatto che è volontà dell’amministrazione implementare il personale infermieristico per dare il giusto sostegno a coloro
che già sono presenti in prima linea». (ANSA).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche