Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
punto nascita pediatri

Dal palazzo

La statistica

Il dato in Italia: 1 donna su 4 ha partorito con il Covid-19

Su 251 parti monitorati nelle 8 strutture sanitarie dalla Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), 65 sono avvenuti in area Covid: tra queste ultime il 49% non era vaccinato.

Tempo di lettura: 2 minuti

Su un totale di 251 parti monitorati nelle 8 strutture sanitarie dalla Federazione italiana aziende sanitarie e ospedaliere (Fiaso), 65 sono avvenuti in area Covid. Complessivamente, dunque, il 26% delle gravide ha contratto l’infezione da Sars-Cov-2 e ha partorito con il Covid. La rilevazione è relativa alla settimana 25 gennaio-1 febbraio. Una settimana fa, invece, le partorienti positive erano il 16% dei casi.

Tra le donne risultate positive al momento del parto, il 49% non era vaccinato e l’11% aveva sviluppato sintomi respiratori e polmonari tipici della malattia da Covid. È stata analizzata,
inoltre, la condizione vaccinale di tutte le partorienti, sia le donne positive al virus sia le donne senza infezione: la percentuale delle vaccinate era solo del 55%. Di contro, il 45% delle donne in attesa e in procinto di partorire non aveva ancora fatto la profilassi vaccinale contro il virus Sars-Cov-2, nonostante sia raccomandato dal Ministero della Salute e dalle società scientifiche dei ginecologi e dei pediatri.

«Il numero di partorienti che arrivano in ospedale e risultano positive al Covid è in crescita e crea pressioni sulle strutture sanitarie costrette a duplicare i percorsi e a dirottare risorse per aree ostetriche Covid. Occorre più che mai rivolgere un appello non solo a mamme e papà, ma anche e soprattutto ai medici, in particolare i ginecologi, che seguono le gravidanze e con i quali le future madri hanno un rapporto di fiducia: avviino una campagna seria di sensibilizzazione per fugare i dubbi delle donne sulla sicurezza del vaccino e convincerle a vaccinarsi», commenta il presidente di Fiaso, Giovanni Migliore. (ANSA).

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche