Dal palazzo

L'intervento

Il CRT Sicilia: «Scegliere di donare gli organi salva altre vite»

Giorgio Battaglia commenta così la notizia della donna ringraziata da un uomo che ha ricevuto gli organi del marito 10 anni fa.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «Donare è una scelta di vita che può salvare altre vite, è un atto di generosità e di solidarietà verso gli altri. Ognuno di noi è chiamato a fare la propria parte con responsabilità, senza donazione non può esserci nessun trapianto. L’impegno di tutti è quello di sensibilizzare i cittadini a donare e a dare le giuste informazioni. Donare è un gesto spontaneo, anonimo e gratuito che rende felice chi lo fa ma anche chi lo riceve».

Lo dichiara il dottore Giorgio Battaglia (nella foto), coordinatore del CRT Sicilia, a seguito della notizia riportata nei giorni scorsi sugli organi di stampa, sulla email ricevuta dalla moglie di un donatore, che viene ringraziata da un uomo che ha ricevuto gli organi del marito 10 anni fa.

«Per far fronte alle aspettative di conoscenza dei riceventi d’organo che si sviluppano nei familiari dei donatori, legate alla ricerca di senso rispetto al dolore della morte– spiegano le psicologhe del CRT Valentina Fiorica e Rita Faso, che si occupano del servizio dei familiari in lutto- il CRT Sicilia attraverso il Servizio di Supporto al Lutto prende in carico le richieste dei familiari garantendo la possibilità sia di un lavoro psicologico volto all’elaborazione della perdita e del valore del dono fatto alla comunità, sia la possibilità di conoscere nel tempo e nel rispetto dell’anonimato lo stato di salute dei riceventi».

«Al contempo anche i riceventi- aggiungono- vivono un tempo di lutto e di riadattamento alla vita ed è pertanto necessario preservare, proprio nel rispetto dell’anonimato, l’esperienza del legame psicologico che si instaura tra il ricevente e il suo donatore a seguito del processo di donazione e trapianto».

«Donare gli organi attraverso una scelta consapevole– concludono le psicologhe- è un’esperienza che crea legami con la comunità e non con il singolo, legami di gratuità che, proprio per questa natura, continueranno ad esistere preservando il loro valore anche in assenza di un incontro».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche