Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

A Palermo e provincia

I medici di famiglia ritirano i vaccini: al via le somministrazioni in studi e Hub

Luigi Galvano (Fimmg): «Sono convinto che saremo molti di più dei 559 previsti e credo che a risolvere il problema delle vaccinazioni sarà proprio la medicina generale».

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Cominciano oggi i medici di base a vaccinare nei propri studi, ma anche nei Centri Vaccinali e negli Hub a Palermo e nei 5 comuni limitrofi (Villabate, Belmonte, Altofonte, Piana degli Albanesi e Monreale). Il ritiro dei vaccini è iniziato alle 14 in via La Loggia per i palermitani, mentre i medici degli altri distretti prenderanno le dosi nelle farmacie locali dell’Asp. Ai medici, insieme alle dosi, saranno fornite dall’Asp di Palermo anche le borse termiche con cui trasportale nei propri studi per mantenere la catena del freddo. Al momento, infatti, i medici di base vaccineranno gli over 80 e i pazienti fragili, per cui useranno il vaccino di Pfizer.

«Le dosi di vaccino che ci saranno consegnate oggi, sono state già preventivamente scongelate dall’Asp e saranno trasportate con una borsa termica dotata di misuratore di temperatura che si chiama Data Logger- riferisce Luigi Galvano, segretario regionale FIMMG- In questo momento in cui manca il Moderna useremo soltanto il Pfizer che è più difficile da gestire perché una volta scongelato può restare in frigorifero 5 giorni, poi una volta aperto il flaconcino e costituito il vaccino con la soluzione fisiologica, si possono fare le sei dosi entro due ore. Quindi bisogna organizzarsi perché se ho sei dosi, ad esempio, ne faccio 4 nello studio in un’ora, e l’altra ora la uso per vaccinare due pazienti a domicilio. Cercheremo anche di fare le prenotazioni di riserva in caso servisse per evitare di perdere le dosi».

Il vaccino Moderna è più facile da usare perché in un flaconcino ci sono 10 dosi, in frigo può stare 30 giorni e una volta aperto resiste anche 5 ore. L’AstraZeneca, invece, può stare in frigo pure sei mesi e aperto è efficace nelle successive 48 ore.

«I medici che oggi inizieranno a ritirare le dosi di vaccino si organizzeranno con i propri pazienti come ritengono più opportuno, pertanto alcuni cominceranno oggi stesso nei propri studi, altri vaccineranno nel weekend e qualcuno si prenderà il fine settimana per organizzarsi al meglio e partire lunedì. Sono convinto che quando partiremo saremo molti di più dei 559 previsti e credo che a risolvere il problema delle vaccinazioni sarà proprio la medicina generale», conclude il dottore Galvano.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati