I mali maggiori della Sanità siciliana? «Liste di attesa e carenza di medici e infermieri»

22 Luglio 2019

I dati di un'indagine Demopolis su un campione di cittadini sono stati discussi durante la conferenza del Sistema Sanitario Regionale convocata a Messina dall'assessore Razza, il quale sottolinea: «Ci aspettiamo dalle Aziende dei risultati, dovranno applicare il Piano approvato dal Governo Musumeci che può davvero essere efficace».

di Redazione

MESSINA. «Non un appuntamento sporadico, ma una scadenza da rinnovare periodicamente per fare il punto della situazione e testare costantemente lo stato della sanità siciliana per comprendere al meglio le esigenze dei cittadini».

Così l’assessore regionale alla Salute, Ruggero Razza, ha concluso i lavori del vertice di Messina, la conferenza del Sistema Sanitario Regionale, a cui hanno preso parte tutti i componenti del management delle Aziende sanitarie, i dirigenti generali dei Dipartimenti dell’Assessorato alla Salute ed una rappresentanza della struttura assessoriale.

Nell’aula magna del rettorato dell’Università di Messina, dopo il saluto del rettore Salvatore Cuzzocrea, i lavori sono stati aperti da un’indagine condotta dall’istituto Demopolis (clicca qui per visionarla) che ha che focalizzato la complessa dimensione delle attese e dei vissuti delle famiglie siciliane in tema di salute.

«L’approfondimento di Demopolis conferma alcuni aspetti che sapevamo meritare delle attenzioni: penso, ad esempio all’infrastrutturazione sanitaria la cui arretratezza, in certi casi, pesa in maniera piuttosto elevata- ha spiegato Razza- ma anche quanto sia necessario un processo di avanguardia tecnologica e di innovazione. Del resto, i cittadini oggi, grazie anche alle tante informazioni che giungono quotidianamente, richiedono una sanità che sia estesa in maniera armonica su tutto il territorio regionale. Ed è un obiettivo a cui stiamo lavorando dal primo giorno ed una delle ragioni del confronto con tutti i manager ai quali chiediamo di agire con celerità e trasparenza».

Nell’indagine di Demopolis si evidenziano le opinioni dei cittadini sui principali ambiti della sanità nell’Isola. Ad esempio il 48% dà un giudizio positivo alle strutture ospedaliere nell’Isola. Soltanto 1 cittadino su 10 promuove le liste d’attesa in Sicilia, che non permettono di ottenere in tempi accettabili una prenotazione, confermandosi la dimensione più critica del sistema sanitario.

Emerge anche l’esigenza di una maggiore informazione sulle strutture sanitarie disponibili nelle diverse aree territoriali e sulle relative modalità di accesso.

Interessante risulta l’agenda stilata dai cittadini per il miglioramento della qualità complessiva della sanità pubblica: sul podio, indicate da oltre i due terzi dei siciliani, gli interventi per la riduzione delle liste d’attesa, il piano per l’efficienza dei Pronto Soccorso, l’avvio delle assunzioni per il rafforzamento degli organici di medici e infermieri.

Ruggero Razza e Salvatore Cuzzocrea

L’assessore Razza ha analizzato i dati con tutti i componenti del management del SSR approfondendo alcuni topic. Sulle infrastrutture, ad esempio, è emersa l’opportunità di immaginare una convenzione fra le Aziende e l’Ufficio Speciale per la progettazione della Presidenza della Regione Siciliana: «Potrà consentire- ha detto Razza- di andare più spediti».

Mentre sul fronte delle liste di attesa, l’assessore alla Salute è stato categorico: «Ci aspettiamo dalle Aziende dei risultati, dovranno applicare il Piano approvato dal Governo Musumeci che può davvero essere efficace».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV