ASP e Ospedali

Il servizio video di Insanitas

Hospice del Civico, in un libro la dignità del vivere l’ultimo tratto di vita…

Il volume con storie e testimonianze dei pazienti è a cura della giornalista Anna Cane, del primario Damiano Pepe e del dirigente medico Giovanni Farro.

Tempo di lettura: 3 minuti

PALERMO. «L’Hospice è il luogo delle emozioni intemperanti e sfrenate: il dolore del distacco e della mancanza, l’impotenza di fronte a qualcosa che non hai deciso tu, la rabbia di non poterlo cambiare ma anche la gioia di potere dire, con le parole o solo con gli occhi, quanto amore si è capaci di provare ancora. Così grande da non poterlo nascondere o mettere a tacere».

Questo è ciò che si legge nella prefazione del libro La dignità del vivere…lettere e pensieri dall’Hospice a cura della giornalista Anna Cane, del primario dell’Hospice dell’Arnas Civico, Damiano Pepe e del dirigente medico dell’Hospice Giovanni Farro. Il volume, omaggiato a dicembre dello scorso anno con l’acquisto del quotidiano Giornale di Sicilia, ha riscosso un profondo apprezzamento, a tal punto che, finite presto le copie, di fronte alle costanti richieste si pensa già a una ristampa.

Giovanni Farro, Anna Cane e Damiano Pepe

“La dignità del vivere…lettere e pensieri dall’Hospice” raccoglie le storie e le testimonianze dei pazienti dell’Hospice e fa luce su una realtà di eccellenza, dove la persona è al centro di un processo di umanizzazione della cura. Scorrono, tra le circa cento pagine, parole che danno voce alle emozioni: sensibilità, pensieri, stati d’animo di pazienti, familiari e operatori sanitari, attorno a una malattia che non ha più possibilità di cura.

«E quando sembra che tutto non abbia più alcun senso- afferma la giornalista Anna Cane– si scoprono tutti quei gesti e quel sentire che danno pieno significato a quanto resta da vivere. Questo libro- spiega- è nato da un’idea del primario dell’Hospice Damiano Pepe e ha preso forma dal diario che si trova all’ingresso di questo reparto e in cui i pazienti oncologici e soprattutto i loro familiari scrivono lettere e pensieri”.

Una lettura che diventa un percorso, intimo e intenso, che traccia storie di vita e d’amore, ricordi, sguardi, gesti. C’è anche il racconto di un matrimonio, quello tra Cetty e Mario, celebrato nel 2020 all’interno del reparto.

«Il libro- puntualizza il primario dell’Hospice Damiano Pepe– è espressione di tutto ciò che questa struttura è e fa, dall’inaugurazione avvenuta nel 2005 sotto la direzione del professore Giorgio Trizzino a oggi. Il reparto ha nel corso del tempo ospitato concerti, attività di cucina e di disegno, laboratori. Ci sono poi tantissime iniziative che vogliamo realizzare e, proprio come questo volume, portare avanti per far conoscere maggiormente il valore dell’Hospice».

«Questo è anche un luogo delle contraddizioni- tiene a precisare il dirigente medico dell’Hospice Giovanni Farro– è un luogo di lotta ma di pace, è un luogo di luci ma di ombre, di sofferenza ma di gioie. Di morte, certamente. Però qui si celebra la vita: in Hospice, ed è quello che dico sempre, si fa liturgia della vita».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche