Emergenza urgenza

La Buona Sanità

Ha contribuito a salvare un bimbo a rischio annegamento: encomio della Seus a un soccorritore

Il presidente Riccardo Castro lo ha conferito a Salvo Signorelli, intervenuto ad Isola delle Femmine insieme al medico Francesco Palumbo e all'infermiera Bruna Bivona.

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. Un encomio all’autista-soccorritore della Seus che ha contribuito a salvare la vita a un bambino a rischio annegamento ad Isola delle Femmine, nel Palermitano: a conferirlo è stato Riccardo Castro, presidente della società consortile che cogestisce il servizio di emergenza-urgenza 118 in Sicilia, sottolineando: «È stato un grande lavoro di squadra, con il nostro Salvo Signorelli protagonista insieme altri due componenti dell’ambulanza medicalizzata partita dalla “postazione 08” di Carini. Siamo veramente orgogliosi che il 118 siciliano possa contare su operatori così altamente professionali, “specializzati” nel salvare migliaia di vite».

L’autista-soccorritore Salvo Signorelli racconta così i momenti salienti del soccorso: «Allertati alle 17.08 dalla Centrale operativa del 118, siamo arrivati sul posto alle 17.17. Mi sono precipitato subito fuori dall’ambulanza verso il lido dove un bimbo ha rischiato di annegare in una piscina. Il bagnino con grande tempestività aveva già effettuato il primissimo soccorso al bimbo, che era cianotico e aveva difficoltà a respirare. Gli ho aperto la bocca, togliendoli anche residui di cibo, e nel giro di un paio di minuti l’ho trasportato in ambulanza, dove il medico Francesco Palumbo e l’infermiera Bruna Bivona lo hanno assistito con grande professionalità e nel migliore dei modi durante il tragitto verso Villa Sofia».

«Qui è stato preso in carico dal pronto soccorso pediatrico e successivamente- in raccordo con la centrale operativa del 118- lo abbiamo trasferito all’ospedale dei Bambini, “scortati” anche dalla polizia. Per fortuna le sue condizioni sono molto migliorate, è rimasto sotto osservazione a scopo precauzionale. È stato un soccorso veramente emozionante ed impegnativo, a tutti e tre i componenti dell’equipaggio dell’ambulanza farebbe grande piacere rivedere il bimbo per dargli un commosso ed affettuoso abbraccio».

Bruna Bivona, Salvo Signorelli e Francesco Palumbo

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche