endoscopia digestiva femore Gravina salvavita uretra

ASP e Ospedali

Coronavirus

Guarite una donna di 90 anni e una di 76, verranno dimesse oggi dall’Ospedale di Caltagirone

Entrambe le pazienti sono state trattate con terapia standard che combina l’utilizzo di azitromicina, idrossiclorochina e antivirale.

Tempo di lettura: 2 minuti

Verranno dimesse oggi pomeriggio, dall’UOC di Malattie Infettive dell’Ospedale “Gravina”, le prime pazienti Covid. Sono: una donna, residente nel catanese, che il giorno di Pasqua festeggerà a casa 90 anni; e una donna di 76 anni, dell’agrigentino. Per loro i tamponi di controllo sono risultati negativi e da oggi faranno rientro a casa. Entrambe le pazienti sono state trattate con terapia standard che combina l’utilizzo di azitromicina, idrossiclorochina e antivirale.

«Ringrazio tutto il personale per il grande lavoro svolto e per l’esemplare livello professionale espresso – afferma il dottor Maurizio Lanza, direttore generale dell’Asp di Catania -. I risultati ottenuti confermano la correttezza delle procedure adottate e dei livelli organizzativi attivati al “Gravina”. Un merito che va all’intera squadra impegnata in prima linea e alla Direzione medica del Presidio». Le due donne sono state ricoverate a metà marzo nella struttura, la prima ad essere operativa nella provincia di Catania, con una dotazione di 50 posti letto di Malattie infettive per ricoveri Covid e 8 posti letto di Terapia Intensiva, sempre dedicati Covid, che da domani verranno alzati a 10 posti letto.

«L’Ospedale “Gravina” ha risposto con grande generosità e professionalità – aggiunge il dottor Antonino Rapisarda, direttore sanitario dell’Asp di Catania – assicurando le cure e l’assistenza necessaria ai pazienti Covid. Non dimentichiamo, inoltre, che l’Ospedale è attivo e, assicurando percorsi separati e in sicurezza, continua a erogare agli utenti tutti i servizi urgenti, in particolar modo quelli relativi alle reti tempo dipendenti (ictus, frattura di femore e infarto)». Per altri 8 pazienti, guariti clinicamente, si è in attesa del secondo tampone di controllo e, se confermato il responso negativo del primo, saranno dimessi nei prossimi giorni. «Siamo molto soddisfatti per i risultati che stiamo conseguendo – dichiara il direttore del reparto mdi Malattie Infettive, dottor Salvatore Bonfante -. Alle due pazienti dimesse rivolgiamo i nostri auguri. Ringrazio anche i miei collaboratori, gli operatori del reparto e i colleghi delle Unità Operative che con noi condividono le procedure di gestione dei pazienti Covid. È un lavoro di squadra del quale siamo orgogliosi». Allo stato, sono 36 i pazienti ricoverati presso l’UOC di Malattie Infettive di Caltagirone, di cui 30 per Covid; sono, inoltre, 3 i pazienti Covid ricoverati in Terapia intensiva.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.