Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
diaverum sanità

Dal palazzo

La nota

Green pass, la Ugl Salute Sicilia: «Sia obbligatorio anche per le visite ambulatoriali»

Il sindacato sollecita un'ulteriore misura per il contenimento della diffusione del virus all'interno degli ospedali.

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. “È arrivato il momento di regolamentare gli accessi ai soggetti privi di certificazione verde,  all’interno delle strutture ospedaliere pubbliche in occasione delle visite ambulatoriali». Ad alzare la voce è la Ugl Salute Sicilia, che chiede una ulteriore manovra per il contenimento della diffusione del virus all’interno degli ospedali. «Mentre per il pronto soccorso ed i ricoveri ordinari è prevista la procedura del tampone in struttura, per quanto riguarda le normali attività quotidiane di controllo su prenotazione negli ambulatori non esiste alcuna disposizione in tal senso – fanno notare il segretario regionale Carmelo Urzì (nella foto) e il responsabile regionale dei medici Raffaele Lanteri.

«Ne consegue che, ad oggi, nella maggior parte degli ospedali chi deve essere sottoposto ad una  una visita non deve esibire alcunché, se non compilare un’autocertificazione inerente l’assenza di sintomi o contatti- aggiungono- Con i rischi che ne possono conseguire dato che frequenta la sala d’attesa, i corridoi e le stanze di ambulatorio a contatto con personale e altri utenti. Ci rivolgiamo quindi a tutti i direttori generali delle Aziende di voler disporre le  stesse misure di attenzione anche per le attività ambulatoriali».

«In subordine, si potrebbe anche pensare ad inserire gli sprovvisti in orari diversi, ovvero dopo che i possessori di certificazione abbiano completato e quindi lasciato le sale d’attesa, così da evitare ogni forma di discriminazione e regolamentare l’accesso alle cure. In una fase, come quella attuale, in cui il vaccino sta diventando uno strumento centrale per la lotta contro il Covid-19, attraverso il raggiungimento dell’immunità totale, ci sembra doveroso proteggere in via prioritaria i luoghi di prevenzione e cura ospedalieri e sanitari», concludono Urzì e Lanteri.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati