ASP e Ospedali

Il caso

«Gravi violazioni contrattuali»: Cimo denuncia l’Asp di Agrigento alla Corte dei Conti

Per il riconoscimento delle voci stipendiali «non correttamente corrisposte ad un elevato numero di dirigenti medici». Nessuna replica dall'Asp, contattata da Insanitas.

Tempo di lettura: 2 minuti

«Vista la totale indisponibilità al dialogo da parte della Direzione aziendale dell’ASP di Agrigento che si ostina ad ignorare legittime istanze sindacali volte unicamente all’applicazione delle norme di legge e contrattuali, la Segreteria Regionale CIMO (Confederazione Italiana Medici Ospedalieri) ha avviato un causa per il riconoscimento delle voci stipendiali non correttamente corrisposte ad un elevato numero di dirigenti medici che operano presso la stessa Asp di Agrigento». Così, in una nota Giuseppe Bonsignore (nella foto), segretario Regionale CIMO Sicilia.

Contattata da Insanitas, l’Asp di Agrigento non replica. «L’avvocato Faletti, Consulente Legale CIMO Nazionale, del Foro di Torino- aggiunge Bonsignore- ha già depositato la prima trance di ricorsi presso il Tribunale di Agrigento. Ci vorrà del tempo ma alla fine, ciò che doveva essere riconosciuto nel rispetto del Contratto di Lavoro sarà fatto rispettare da un Giudice, con aggravio di spese per la pubblica amministrazione, che si troverà a dover pagare anche spese legali e interessi di mora. Inoltre, si potrebbe prefigurare un danno erariale di cui dovrebbero rispondere gli attuali vertici dell’Asp».

«Nelle more di seguire gli sviluppi della causa che purtroppo non prevede tempi brevissimi- continua Bonsignore- la Segreteria Regionale ha dato mandato all’avvocato De Geronimo, del Foro di Catania, di sottoporre all’attenzione dell’Assessore Regionale della Salute della Regione Siciliana, al Procuratore Generale presso la corte dei Conti della Regione Siciliana, al ministro per la Pubblica Amministrazione e all’Ispettorato Territoriale del Lavoro della Provincia di Agrigento, una nota circostanziata in cui vengono esplicitate le numerose e palesi inadempienze nell’applicazione del Contrato di Lavoro vigente».

L’Ispettorato del Lavoro, su richiesta della Segreteria Aziendale CIMO (dottoressa Rosetta Vaccaro) si è già attivato e sta vagliando le situazioni segnalate da CIMO con possibili sanzioni a carico dell’Asp di Agrigento nel caso in cui verranno verificate le irregolarità prospettate.

«Purtroppo ad Agrigento- conclude Bonsignore- siamo costretti a procedere a colpi di carta bollata stante l’assoluta indifferenza dei vertici aziendali che oltre ad ignorare le norme contrattuali sembrano sconoscere anche le normali regole che sottendono ai rapporti con le organizzazioni sindacali».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche