Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

Terapia antiveleni

Grave intossicazione da funghi, coppia di anziani salvati all’ospedale Sant’Elia

Terapia antiveleni, sono entrambi fuori pericolo ma sotto osservazione.

Tempo di lettura: 2 minuti

CALTANISSETTA. Doveva essere la prima scorpacciata di funghi di stagione e invece il pranzo si è concluso con una corsa in ospedale. Protagonisti due anziani di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, 79 anni lui, 76 lei finiti in pronto soccorso con una grave intossicazione da funghi.

A raccoglierli era stato lui di buon mattino nelle campagne vicine. A quanto pare l’uomo conosce bene le specie e la raccolta è sempre stata una delle sue passioni però questa volta qualcosa non deve essere andata per il verso giusto tanto che, a pochi minuti dal pranzo, marito e moglie hanno cominciato ad accusare malori allo stomaco, con vomito e diarrea. Per gli anziani coniugi non è rimasto altro da fare che recarsi all’ospedale Sant’Elia dove i medici di turno hanno contattato il centro antiveleni che ha indicato terapie e trattamenti del caso.

Adesso i due sancataldesi sarebbero fuori pericolo ma resteranno ancora per 24 ore in osservazione in pronto soccorso.

Quella di avventurarsi tra i boschi per raccogliere funghi è una vera e propria mania che, ora più che mai, appassiona centinaia di siciliani. L’Asp ricorda che è necessario un tesserino per la raccolta dei funghi e che all’interno della stessa Azienda Sanitaria Provinciale è disponibile un servizio dedicato proprio alla verifica dei funghi appena raccolti. Un micologo specializzato infatti verificherà quali sono commestibili e quali invece no.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati