Grave intossicazione da funghi, coppia di anziani salvati all’ospedale Sant’Elia

15 Ottobre 2016

Terapia antiveleni, sono entrambi fuori pericolo ma sotto osservazione.

 

di

CALTANISSETTA. Doveva essere la prima scorpacciata di funghi di stagione e invece il pranzo si è concluso con una corsa in ospedale. Protagonisti due anziani di San Cataldo, in provincia di Caltanissetta, 79 anni lui, 76 lei finiti in pronto soccorso con una grave intossicazione da funghi.

A raccoglierli era stato lui di buon mattino nelle campagne vicine. A quanto pare l’uomo conosce bene le specie e la raccolta è sempre stata una delle sue passioni però questa volta qualcosa non deve essere andata per il verso giusto tanto che, a pochi minuti dal pranzo, marito e moglie hanno cominciato ad accusare malori allo stomaco, con vomito e diarrea. Per gli anziani coniugi non è rimasto altro da fare che recarsi all’ospedale Sant’Elia dove i medici di turno hanno contattato il centro antiveleni che ha indicato terapie e trattamenti del caso.

Adesso i due sancataldesi sarebbero fuori pericolo ma resteranno ancora per 24 ore in osservazione in pronto soccorso.

Quella di avventurarsi tra i boschi per raccogliere funghi è una vera e propria mania che, ora più che mai, appassiona centinaia di siciliani. L’Asp ricorda che è necessario un tesserino per la raccolta dei funghi e che all’interno della stessa Azienda Sanitaria Provinciale è disponibile un servizio dedicato proprio alla verifica dei funghi appena raccolti. Un micologo specializzato infatti verificherà quali sono commestibili e quali invece no.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV