Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

La Buona Sanità

Grave caso di placenta percreta: Arnas Civico, in salvo mamma e neonato

Intervento in urgenza al Pronto soccorso ostetrico dove la paziente di 25 anni, incinta da 29 settimane, era arrivata con un severo dolore addominale. Il dott. Maiorana: «Un complesso lavoro di équipe. La direzione sanitaria agevola questi percorsi e ci permette di lavorare bene».

Tempo di lettura: 4 minuti

PALERMO. Una donna con grave caso di placenta percreta– il massimo grado di accretismo- è stata salvata insieme al neonato al Pronto soccorso ostetrico dell’Arnas Civico di Palermo. La paziente di 25 anni, incinta da 29 settimane, alla sua sesta gravidanza e tre volte cesarizzata, è arrivata con un severo dolore addominale al Policlinico “Giaccone”, ma sia qui che all’ospedale “Cervello”, in cui è stata seguita, non erano disponibili posti di neonatologia. Il Civico, invece, ha dato immediata disponibilità, attivando al contempo una complessa organizzazione multidisciplinare per l’approccio a queste rischiose emergenze.

«Una diagnosi di placenta percreta è una vera tragedia, nelle ore successive la signora aveva l’utero che si stava rompendo perché, come correttamente diagnosticato al Cervello e da noi confermato con i nostri ecografisti, era una placenta percreta (placenta accreta con alcuni punti di percretismo), cioè una placenta inizialmente aderente che infiltra progressivamente il miometrio e questo diventa accreta- ha riferito ad Insanitas il dirigente del reparto di Ginecologia, Antonio Maiorana (nella foto)– Noi abbiamo operato con 4 sacche di sangue in sala operatoria e 4 di riserva, ma la signora non ne ha avuto bisogno, quindi, è stato un successo. Il bambino pesa 1,3 kg e sta bene. In genere sono molto conservativo e se avessi potuto lasciare l’utero lo avrei fatto, ma ne andava della vita della signora, per cui l’ho tolto».

Tale situazione ostetrica è descritta in letteratura come una delle più rischiose in termini mortalità madre/feto, ma al Civico hanno effettuato un intervento che ha avuto un esito ottimale in termini di outcome materno e neonatale, grazie alla collaborazione di ginecologi, ostetrici, anestesisti, neonatologi, urologi, emotrasfusionisti e del radiologo vascolare interventista, Mario Vallone.

«Sono contento perché si è attivata “una macchina” in maniera molto veloce, questa tipologia di operazioni in genere si programmano, qui invece sono arrivato alle 7 di mattina e ho trovato la signora lì con dolore, a quel punto ho organizzato tutto questo in poche ore e abbiamo fatto l’intervento in urgenza, coinvolgendo tutti: gli urologi hanno messo gli stent negli ureteri perché le vie urinarie erano fortemente attaccate, stent che poi abbiamo tolto. Gli emotrasfusionisti ci hanno dato 4 sacche di sangue che per fortuna stiamo restituendo e li ringrazio perché in questo momento di mancanza di sangue loro ne hanno trovate 8- ha spiegato ancora il dottore Maiorana- Il dottore Vallone ha posizionato i palloncini nelle arterie ipogastriche, a questo punto io ho tirato fuori il bambino e richiuso l’utero. Vallone ha gonfiato i palloncini riducendo l’afflusso del sangue alla pelvi e in quel momento io ho fatto l’isterectomia con degli strumenti multifunzione che vengono dalla mia cultura endoscopica, non abbiamo lesionato la vescica, non abbiamo lesionato gli ureteri. Terminata l’isterectomia, a campo operatorio ancora aperto, Vallone ha riaperto i suoi palloncini nelle arterie ipogastriche e abbiamo verificato che non ci fosse presenza di sangue. Si tratta di un lavoro di équipe complesso che deve essere ben organizzato. Gli anestesisti hanno mantenuto la signora sveglia e ho parlato con lei per tutto l’intervento, a volte si è costretti ad intubare ma questa volta non c’è stato bisogno, cerchiamo sempre di essere minimamente invasivi».

La procedura chirurgica è stata effettuata dai ginecologi coordinati da Antonio Maiorana e da Mario Vallone, con il supporto appunto degli urologi coordinati da Gianfranco Savoca, degli anestesisti coordinati da Vincenzo Mazzarese, dei neonatologi coordinati da Marcello Vitaliti, insieme a tutto il personale sanitario di supporto. Mamma e bimbo stanno bene e hanno un decorso clinico regolare.

«L’Arnas Civico si conferma, nel solco di una consolidata tradizione, punto di riferimento per le emergenze ostetriche e neonatali ad alta complessità assistenziale- sottolinea il ginecologo Maiorana- Per la complessità dell’intervento in regime di urgenza e per l’imprevedibilità dello stesso, ritengo che in pieno agosto sia una bella performance. Sono un appassionato della sanità pubblica e sono contento quando una squadra di un’azienda di rilievo come il Civico, possa essere al servizio di tutti. Se ciò avviene è perché c’è una direzione sanitaria che agevola questi percorsi e ci permette di lavorare bene».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati