Policlinico di Messina prelievo organi maxi tumore adenomi ipofisari meningite energia elettrica portale web tumori neuroendocrini

Policlinici

Metodo Apollo

Grandi obesi, al Policlinico di Messina tecnica senza incisioni per ridurre lo stomaco

L'accesso endoscopico-chirurgico dalla bocca è una delle opportunità terapeutiche nel centro SICOB coordinato dal prof. Giuseppe Navarra.

Tempo di lettura: 3 minuti

MESSINA. Ridurre il peso elevato senza incisioni sull’addome, ma con un accesso endoscopico-chirurgico dalla bocca. È una delle opportunità terapeutiche offerte all’interno del centro SICOB (Società Italiana di Chirurgia dell’Obesità ) dell’AOU G. Martino di Messina, coordinato dal Prof. Giuseppe Navarra, Direttore dell’UOC di Chirurgia Generale ad Indirizzo Oncologico.

La tecnica mini-invasiva, che già da tempo è praticata presso l’Azienda Ospedaliera Universitaria per il trattamento dei pazienti obesi senza ricorrere alla classica chirurgia bariatrica, si chiama “Metodo Apollo” ed è una procedura che consente di ridurre lo stomaco senza eseguire l’intervento chirurgico in laparoscopia. In questo caso, infatti, si esegue una gastroplastica verticale endoscopica: con l’accesso attraverso la bocca, tramite gastroscopio, vengono applicati una serie di punti all’interno dello stomaco per ridurne la dimensione modificandone la morfologia, ma senza resecarlo. La perdita di peso viene così raggiunta grazie a un rallentamento dello svuotamento gastrico e all’aumento del senso di sazietà.

Sono oltre quaranta gli interventi di questo tipo già eseguiti. Un percorso, quello organizzato all’interno del centro dedicato alla chirurgia bariatrica, che negli anni è stato sempre più strutturato e implementato per favorire una presa in carico globale del paziente obeso che, fin dal primo accesso in ambulatorio, viene accolto da un’équipe multidisciplinare – composta tra gli altri da chirurghi, anestesisti, diabetologi, nutrizionisti e psichiatri/psicologi-che lo seguirà in tutte le fasi principali: dalla prima visita, all’intervento fino ai controlli di follow up.

Conosciuto in inglese con l’acronimo ESG, “Endoscopic sleeve Gastroplasty” o “Endosleeve”, il metodo Apollo è indicato per persone affette da obesità grave con BMI (Indice di massa corporea) compreso tra 30 e 35 o superiore a 40 con controindicazioni alla chirurgia bariatrica. La procedura viene eseguita in anestesia generale ed in sala operatoria, ma il paziente può tornare alle sue attività quotidiane già dopo pochi giorni.

La realtà presente all’interno dell’azienda ospedaliera universitaria è l’unica del sud Italia, ad eccezione della Campania, ad eseguire questo tipo di tecnica mini invasiva routinariamente.

«In prima battuta- spiega il prof. Navarra- viene effettuata una valutazione preliminare completa da parte del team multidisciplinare per analizzare il caso e verificare la possibilità di eseguire la endosleeve in assenza di controindicazioni. Il metodo Apollo è molto sicuro e generalmente ben tollerato, con un tasso di complicanze maggiori minimo. A differenza di altre metodologie chirurgiche utilizzate per la perdita di peso, quali la sleeve gastrectomy o il bypass gastrico, è una procedura che non comporta alcuna sezione e/o asportazione di parte dello stomaco. Chiaramente, affinché i risultati della procedura siano duraturi nel tempo, è necessario anche un cambiamento del proprio stile di vita».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche