sciopero nazionale delibere omissioni corleone agonia contratto comitato lavoratori

Dal palazzo

Confermato lo stato di agitazione

Gli specialisti accreditati: «Il governo regionale nega il diritto alla cura dei siciliani»

Nulla di fatto nel vertice in assessorato. L'erogazione delle prestazioni in convenzione sarà sospesa all'esaurimento del budget mensile. Volo: «Fiduciosa in una soluzione condivisa»

Tempo di lettura: 3 minuti

«Davanti all’ostinata negazione del diritto alla cura dei siciliani che il Governo regionale continua a mettere in atto la specialistica accreditata esterna siciliana è costretta a confermare lo stato di agitazione e annunciare la sospensione dell’erogazione delle prestazioni in convenzione all’esaurimento del budget mensile di ogni struttura, vale a dire intorno al giorno 20 di ogni mese».

Lo affermano i coordinatori del CIMEST (Coordinamento Intersindacale di Medicina Specialistica ambulatoriale di territorio), Salvatore Gibiino e Salvatore Calvaruso, al termine dell’incontro convocato dall’assessore alla Salute della Regione Sicilia Giovanna Volo con le diciassette organizzazioni sindacali che compongono l’Intersindacale della Specialistica Accreditata Esterna.

«L’assessore Volo- proseguono Gibiino e Calvaruso- ci ha ribadito chiaramente che ritiene le oltre 1800 strutture accreditate esterne che erogano l’80% delle prestazioni del Sistema Sanitario Regionale come un corpo estraneo. Sembra non rendersi conto che il Sistema Sanitario siciliano poggia quasi completamente sulle nostre spalle. Abbiamo chiesto di rivedere i fabbisogni per tutelare il diritto alla salute dei cittadini siciliani e abbattere le lunghe liste d’attesa è la risposta qual è stata? Un aumento di undici milioni di euro a fronte dei sessanta che sarebbero necessari per garantire anche quest’anno l’erogazione delle prestazioni sullo standard degli anni passati, anni nei quali abbiamo erogato prestazioni in extra-budget mettendo davanti a ogni cosa l’interesse dei malati siciliani».

«Purtroppo- aggiungono- saranno i cittadini siciliani e i malati siciliani a pagare questa incomprensibile mancata programmazione sul territorio regionale che porterà ad ulteriore allungamento delle liste di attesa. È notizia di oggi, infatti, che diversi CUP delle ASP che gestiscono gli ambulatori pubblici hanno aperto le agende di prenotazione per il 2024 perché hanno esaurito tutte le prenotazioni per il 2023».

«Non vogliamo perdere la speranza che nel prossimo incontro si possa trovare una soluzione per tutelare il diritto alla salute dei siciliani e la sopravvivenza delle nostre strutture, ma l’esito dell’incontro di oggi non ci rende ottimisti», concludono i coordinatori del CIMEST.

Volo: «Fiduciosa in una soluzione condivisa»

«L’incontro di oggi con i rappresentanti dei laboratori privati convenzionati si è svolto con la massima franchezza su tutte le questioni da affrontare. Abbiamo portato sul tavolo delle proposte che sono percorribili relativamente alle risorse che sono attualmente a nostra disposizione per il 2022 e per il 2023. I sindacati ci hanno consegnato una controproposta che verificheremo nei prossimi giorni. Il tavolo è stato aggiornato e ci rivedremo tra otto giorni. L’incontro si è svolto in un clima di grande correttezza e siamo fiduciosi che una soluzione condivisa si possa trovare». A dirlo l’assessore regionale alla Salute, Giovanna Volo, al termine della riunione con i rappresentanti sindacali dei laboratori e degli ambulatori privati convenzionati.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche