Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
risk manager

Dal palazzo

L'annuncio

Giro di vite su corruzione e malasanità in Sicilia: potenziata la convezione tra Regione e Agenas

Lo prevede il rinnovo dell'intesa che sarà siglata nei prossimi giorni.

Tempo di lettura: 3 minuti

L’Agenzia Nazionale per i Servizi Sanitari Regionali (Agenas) fornirà supporto alle Asp per il rafforzamento della trasparenza e la prevenzione della corruzione, anche attraverso l’applicazione di un protocollo di intesa siglato di recente tra AGENAS e Anac in funzione del quale saranno attuate nuove linee guida e perfezionati alcuni processi, tra i quali l’acquisto di beni e servizi in ambito sanitario.

È la principale novità alla base del rinnovo della convenzione annuale con l’AGENAS che la Regione siciliana siglerà nei prossimi giorni. Si è svolto stamattina presso la sede dell’Assessorato alla Salute l’incontro tra i direttori generali delle Asp e delle aziende ospedaliere siciliane, il direttore generale di Agenas, Francesco Bevere e l’Assessore alla Salute Ruggero Razza che ha sottolineato l’esigenza per la Regione siciliana di essere punto di avanguardia nei servizi di qualità, ma anche nell’innovazione e nella trasparenza.

«Nel rapporto convenzionale con Agenas- ha affermato Razza nel corso dell’incontro- inauguriamo una formula innovativa per rendere la Sicilia punto di avanguardia in alcuni settori. Oltre al supporto tecnico e al monitoraggio delle prestazioni sanitarie, chiediamo all’Agenzia un contributo sulla trasparenza, ma anche nel riuscire a formare ispettori nel settore sanitario, con una presenza diramata in tutte le aziende. Abbiamo la necessità di adeguare i controlli alla richiesta dei territori e l’adozione di nuove linee guida per nuovi obiettivi si rivela fondamentale».

«Sono qui anche per esprimere soddisfazione per la volontà concreta della Regione siciliana di collaborare con l’Agenzia anche sul fronte della trasparenza e dell’anticorruzione- ha affermato dal suo canto Bevere-  Il protocollo d’intesa che abbiamo realizzato con Anac pone in essere una serie di accorgimenti fondamentali per neutralizzare e prevenire fenomeni di corruzione o di cattiva gestione. Ho molto apprezzato l’intuizione dell’assessore Razza di inserire tra le sue priorità quella di garantire trasparenza anche ai comportamenti organizzativi, affinché si possa tracciare e verificare come le risorse in sanità vengano utilizzate con l’unico scopo di migliorare la salute dei cittadini e il sistema sanitario nel suo complesso».

Un giro di vite su malasanità e corruzione dunque, ma non solo: la convenzione prevede altri importanti traguardi che valgono per tutte le aziende e gli ospedali sul territorio regionale: l’innalzamento degli standard per la sicurezza dei pazienti e la gestione del rischio clinico, la valutazione della qualità dei servizi nei Pronto soccorso e nei punti nascita, l’integrazione dei nosocomi con il territorio, supporto alle attività formative di iniziativa della Regione e allo sviluppo di programmi di ricerca in ambito europeo e internazionale. L’Agenas affiancherà, inoltre, alcune aziende dell’isola che presentano criticità di tipo clinico-assistenziale o economico-finanziario.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati