giornata mondiale dell'ortottica

Giornata mondiale dell’ortottica: l’importanza della riabilitazione oculare

1 Giugno 2020

Dalla rieducazione dell'occhio pigro alla prevenzione e cura delle altre patologie oculari dell'infanzia e dell'età adulta, oggi si celebra il ruolo fondamentale degli ortottisti

 

di

Anche quest’anno, il primo lunedì di giugno viene celebrata la giornata mondiale di Ortottica (WOD, World Orthoptic Day). Data scelta dalla IOA ((International Orthoptic Association) per accendere i riflettori sulla professione di ortottista promuovendone l’attività a livello locale, nazionale e internazionale. In Italia, membro di IOA è AIOrAO (Associazione Italiana Ortottisti Assistenti in Oftalmologia) riconosciuta dal Ministero della Salute.

“E’ di fondamentale importanza – si legge in una nota diramata dall’AIOrAO – informare la popolazione del valore che i professionisti della riabilitazione in ambito oculare ed ortottico rivestono nella prevenzione in età pediatrica, per quanto concerne l’ambliopia (occhio pigro) e le altre patologie oculari dell’infanzia che, se non riconosciute in età precoce possono condurre a gravosi e spesso non risolvibili problemi di apprendimento, ma anche per la prevenzione e gestione delle patologie riguardanti l’età adulta che, se opportunamente gestite, possono avere una ricaduta inferiore in termini di tempi e costi sul sistema sanitario, senza venir meno all’aspetto psicologico dei pazienti che si trovano a gestire in modo più efficace e responsabile le loro eventuali difficoltà visive”.

“La giornata mondiale di ortottica è sempre stata celebrata fornendo alla popolazione screening di vario genere. Sono sempre stati organizzati eventi nello stesso momento in tutto il mondo ma – continua la nota dell’associazione – quest’anno l’emergenza sanitaria mondiale Covid-19 ci costringe a gestire il WOD solo virtualmente e tramite media e canali social. L’ortottica però non si è mai fermata, l’ortottista si è adattato professionalmente a quanto accaduto, modificando seppur temporaneamente il proprio modus operandi, ma sempre non dimenticando che la professione non si limita alla “valutazione” del paziente ma anche all’ascolto, alla comprensione, alla continuità assistenziale (anche a distanza) e alla gestione delle informazioni. In un’ottica di coesione e di condivisione di orizzonti lavorativi la giornata mondiale di ortottica quest’anno viene celebrata con delle foto. Ritratti di momenti che hanno caratterizzato la nostra professione in questo periodo storico estremamente difficile.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV