“Giornata dell’infermiere”, l’appello da Palermo: «Senza di noi la Sanità non funziona»

13 Maggio 2019

Promossa da FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche) è stata celebrata anche lungo l’asse di via della Libertà per sottolineare l’importanza della professione infermieristica e richiamare l’attenzione delle istituzioni e di tutta la cittadinanza.

di Valentina Grasso

PALERMO. “La Sanità non funziona senza infermieri”. Alla luce di questo slogan si è svolta  la 41a Giornata dell’Infermiere promossa da FNOPI (Federazione Nazionale Ordini Professioni Infermieristiche) e celebrata anche a Palermo lungo l’asse di via della Libertà per sottolineare l’importanza della professione infermieristica e richiamare l’attenzione delle istituzioni e di tutta la cittadinanza.

All’iniziativa ha preso parte l’assessore Giovanna Marano, anche lei infermiera professionale, che ha posto l’accento sulla necessità di assicurare dignità e prospettiva occupazionale sollevando la figura dell’infermiere da quella condizione di precarietà a cui attualmente è costretta.

«Abbiamo bisogno di ribadire la centralità, l’autonomia e soprattutto il grande valore della presa in carico- ha sottolineato Marano-, della cura e di tutte quelle funzioni di prevenzione a cui oggi l’infermiere è preparato e predisposto».

E poi ha concluso: «Si deve promuovere la cultura infermieristica come un’asse, una coordinata decisiva per la qualità e il futuro della Sanità del nostro Paese».

Un’occasione, quella della Giornata dell’Infermiere, per far scoprire e comprendere ai cittadini quanto importanti siano tutte le attività cui gli infermieri dedicano la propria professione sul territorio, all’interno dei presidi ospedalieri e nelle strutture sanitarie private.

All’ombra dei gazebo di via della Libertà, OPI Palermo ha presentato i momenti più professionalizzanti in cui l’infermiere si trova ogni giorno ad operare, come in un complesso operatorio o in un contesto palliativista, ma anche in situazioni di emergenza-urgenza o di stomaterapia.

«Stiamo portando avanti un percorso di competenze avanzate che riguarda l’assistenza integrata in quanto- ha spiegato Francesco Gargano, Presidente di OPI Palermo- Stiamo osservando che in Italia vi è una risposta assistenziale parcellizzata, per cui i pazienti del Nord vengono assistiti meglio di quelli del Sud».

È stata inoltre ribadita l’importanza dell’infermiere di famiglia «che sicuramente può rispondere- ha continuato Gargano – a quei bisogni assistenziali domiciliare per evitare il superaffollamento dei pronto soccorso».

Presenti alle attività degli stand anche quest’anno tantissimi studenti volontari del CdL in Infermieristica. «Negli ultimi anni- spiega il direttore didattico del corso Giuseppe D’Anna– abbiamo aumentato il numero dei posti nonostante lo sbocco occupazionale sia stato limitato. Auspichiamo in una presa di coscienza della necessità della figura dell’infermiere».

Nel video le interviste complete all’assessore Giovanna Marano, a Francesco Gargano e a Giuseppe D’Anna.

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV