Salute e benessere

UNIVERSITÀ

Gioco d’azzardo, ricercatori catanesi: rischio depressione nei giovani

Pubblicata una review degli studi condotti sulla dipendenza. Ecco le patologie causate dal cosiddetto gambling e chi sono i più colpiti

Tempo di lettura: 3 minuti

La dipendenza da gioco d’azzardo è in preoccupante crescita. Colpisce soprattutto gli adulti ma non bisogna trascurare l’impatto sui giovani, molti dei quali sono a rischio depressioni e problemi psicologici. Emerge dal lavoro di un gruppo di ricerca guidato da Pasquale Caponnetto, docente di Psicologia clinica del dipartimento di Scienze della formazione dell’Università di Catania, che ha condotto negli ultimi due anni una review (qui il testo integrale), appena pubblicata su “Psychistry international”, di tutti gli studi condotti sulla dipendenza da gioco d’azzardo.

La crescita del gioco d’azzardo durante la pandemia

Il settore del gioco d’azzardo in Italia è in continua crescita, dal 2021 al 2023, complice la pandemia da Covid, si è registrato un aumento importante della percentuale di giocatori attivi soprattutto online. Le nuove forme di gioco sono oggi maggiormente legate ai nuovi strumenti: si gioca in rete, tramite cellulare, sui social media o utilizzando macchine elettroniche. La dipendenza da gioco d’azzardo non fa differenze, colpisce tutti i gruppi demografici e tutte le aree geografiche ma con una particolare propensione per gli adulti della fascia di età compresa tra i 35 e i 44 anni che risultano più colpiti da quella che può essere considerata una vera e propria patologia.

Gioco d’azzardo o gambling, ecco gli effetti

Il gioco online, comunemente definito gambling, può portare infatti a dipendenza, difficoltà finanziarie e problemi di salute mentale ed è stato anche associato ad alti livelli di depressione e ansia, cattiva salute mentale e abuso di fumo e alcol. I risultati affermano che il gioco d’azzardo patologico, in tutte le sue varianti, risulta essere un problema dal punto di vista sanitario, socio-economico e relazionale non solo per il giocatore ma anche per la famiglia e per gli affetti più cari che ne subiscono le conseguenze. In molti casi, è stato notato che più si gioca, più si aumenta il livello di rischio, con una maggiore probabilità di determinare disturbi mentali concomitanti.

Gioco d’azzardo, rischio depressione per i giovani

Particolarmente rilevante, inoltre, è il dato che dimostra che il 65% dei giovani affetti da questo tipo di dipendenza ha sviluppato depressione e problemi psicologici.

“Vari fattori di rischio biologici, psicologici e sociali sono stati associati alla dipendenza da gioco d’azzardo – ha spiegato il professor Caponnetto – la diagnosi precoce e l’intervento sono essenziali per affrontare le relative problematiche e ridurre le conseguenze associate a questo disturbo. Nello specifico – aggiunge il docente catanese – bisognerebbe prevedere l’uso di strumenti di screening convalidati e piani di trattamento su misura per aiutare le persone a superare il problema e lavorare sul benessere fisico e mentale”. La revisione evidenzia la necessità di continuare la ricerca sull’impatto delle nuove forme di gioco d’azzardo e sullo sviluppo di strategie di prevenzione e trattamento.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche