Salvatore Gibiino

Sanità privata

La nota

Gibiino (Sbv-Cimest): «In Sicilia urge abbattere le liste d’attesa»

Il segretario nazionale: «La politica deve avere la capacità e il coraggio di compiere scelte che vadano in questo senso».

Tempo di lettura: 2 minuti

«I siciliani hanno diritto a una sanità migliore e la politica deve avere la capacità e il coraggio di compiere scelte che vadano in questo senso. Ridurre i tempi delle liste di attesa nella sanità regionale è essenziale. Lo ha ripetuto quasi come un mantra anche il presidente Schifani e speriamo che non rimanga uno spot». Lo afferma Salvatore Gibiino, segretario nazionale SBV-CIMEST.

«L’elenco delle cose da fare per rendere il sistema sanitario regionale migliore e più rispondente alle esigenze dei siciliani- prosegue Gibiino- è senza dubbio lungo, ma l’abbattimento delle liste d’attesa è sicuramente una priorità assoluta e gli specialisti accreditati esterni sono pronti a dare il loro contributo».

«In quanto pubblico a gestione privata- spiega il segretario nazionale SBV-CIMEST – se soltanto ci fosse concesso, potremmo rispondere con prontezza alle esigenze di quei pazienti che chiedono e hanno diritto ad una indagine strumentale e diagnostica immediata per la scelta della terapia e che invece si trovano costretti ad attese interminabili o a ricorrere al privato».

«Ricordiamo a tal proposito al presidente Schifani e all’assessore Volo- sottolinea Gibiino- che da luglio giacciono inutilizzati nei cassetti delle ASP 7 milioni di euro per i privati accreditati, parte dei 50 milioni erogati alla Sicilia dall’ex ministro Speranza per un abbattimento delle liste d’attesa che non è mai avvenuto».

«L’accantonamento di quasi 250 milioni di euro per le spese sanitarie, previsto dall’articolo 2 delle variazioni di bilancio in discussione all’ARS- conclude il segretario nazionale SBV-CIMEST- è una buona notizia per la sanità regionale, ma ci auguriamo che quei fondi non rimangano semplicemente accantonati o destinati a pagare debiti precedentemente contratti dalla sanità regionale come è accaduto con gran parte del fondo sanitario destinato ai Livelli essenziali di assistenza. L’annunciata proroga dei contratti dei precari del Covid è un buon segnale, ma non può bastare, ora serve fare qualcosa per ridurre subito le liste d’attesa».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati

    Leggi anche