Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Dal palazzo

Le interviste video di Insanitas

Genitori, figli e Covid: i risultati del progetto pilota dell’OMCeO Palermo

Le interviste video di Insanitas a Toti Amato (presidente dell'Ordine provinciale dei medici e componente del direttivo della Fnomceo) e Tiziana Lo Nigro (psicoterapeuta).

Tempo di lettura: 2 minuti

PALERMO. «I risultati sono molto interessanti perché ci si è resi conto che serve un supporto psicologico alle famiglie ed ai bambini. Il nostro obiettivo è replicarlo nel resto della Sicilia ed eventualmente anche a livello nazionale».

Lo afferma Toti Amato, presidente dell’Omceo di Palermo e componente del direttivo della Fnomceo, commentando il progetto sperimentale in e-learning “Genitori e figli ai tempi del Coronavirus” che si è appena concluso.

L’iniziativa, organizzata dall’Ordine dei Medici di Palermo, in collaborazione con l’Ufficio scolastico regionale, si è svolta in partnership con gli assessorati regionali della Formazione e della Salute ed è stata coordinata da Antonietta Passalacqua e Chiara Scauso.

Clicca qui per le interviste video a Toti Amato e alla psicoterapeuta Tiziana Lo Nigro.

«Sono state attività preziose perché siamo tutti disorientati da questa situazione che stiamo vivendo e dobbiamo gestire. In particolare i bambini hanno sensibilità a noi in parte sconosciute, perché vivono la situazione in modo diverso rispetto agli adulti- afferma Angela Mineo, dirigente scolastico della scuola primaria “Garzilli” di Palermo, in cui è stato scelto il campione di famiglie con cui avviare il progetto pilota- Bisogna poi far comprendere al bambino anche il concetto di malattia ed eventualmente di morte, proprio qualche giorno fa è venuto a mancare un genitore della nostra scuola a causa del Covid. Un bambino generalmente non pensa a queste cose, sono lontane dal suo quotidiano, per cui è importante presentargliele in modo corretto, per permettergli di acquisire una consapevolezza non traumatica».

«Il punto di osservazione importante è quello che riguarda i bambini, noi come genitori adesso abbiamo strumenti in più per cogliere dei segnali che magari più difficilmente si riesce a ricollegare all’ansia provata dai bambini per la situazione che stiamo vivendo. Siamo tutti molto spiazzati, personalmente non avrei mai pensato di dover affrontare una pandemia-ha dichiarato Federica Prestidonato, rappresentante dei genitori- Purtroppo a volte abbiamo sottovalutato il problema nei confronti dei bambini e diamo per scontato che loro non possano capire. In realtà carpiscono informazioni che poi rielaborano a modo loro e inviano segnali di stress. Spesso noi non siamo in grado di coglierli, capirli e quindi intervenire».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati