Garibaldi-Nesima, al via il settimo simposio scientifico su fertilità ed oncologia

24 Settembre 2019

Ad inaugurare la "tre giorni" di lavoro, che dal 23 al 25 settembre vedrà sfilare i massimi esperti internazionali del settore della ginecologia, sono intervenuti l'Assessore Ruggero Razza e il direttore generale Fabrizio De Nicola. A presiedere il comitato scientifico è Giuseppe Ettore.

 

di

CATANIA. Apre i battenti al Garibaldi-Nesima il settimo simposio scientifico sulla fertilità e l’oncologia. Ad inaugurare la “tre giorni” di lavoro, che dal 23 al 25 settembre vedrà sfilare i massimi esperti internazionali del settore della ginecologia, sono intervenuti l’Assessore Regionale alla salute, Ruggero Razza e il direttore generale dell’Arnas Fabrizio De Nicola.

Anche in questa edizione, a presiedere il comitato scientifico dell’evento è stato Giuseppe Ettore, direttore dell’unità di ginecologia dell’ospedale Garibaldi di Catania, infaticabile padrone di casa per quello che ormai è considerato uno degli appuntamenti annuali più rilevanti della sanità nazionale.

«Ringrazio il Prof. Ettore- ha detto De Nicola- per averci offerto un simposio così importante che mette a confronto numerosi professionisti del settore provenienti da ogni parte del Paese. E ringrazio anche l’Assessore per l’ennesima prova di sensibilità rispetto alla nostra azienda ospedaliera, dove non a caso si concentra parte dell’alta specialità siciliana. Noi stiamo lavorando per affrontare quella che è la sfida del futuro della sanità siciliana: quella della attrattività. Metteremo tutta l’energia necessaria perché si inverta l’atavica tendenza alla mobilità passiva e si passi a una nuova fase dove i cittadini possano essere soddisfatti dei servizi offerti sul territorio».

Durante i tre giorni l’evento prevederà un ampio spazio alle problematiche legate all’endometriosi, con una sezione introduttiva affidata al dott. Diego Piazza e al dott. Antonio Perino, ma non mancherà un approfondimento in tema di ginecologia oncologica.

«L’Arnas Garibaldi- sottolinea Giuseppe Ettore– conferma la sua vocazione di ospedale principale per la cura delle patologie neoplastiche e complesse, grazie soprattutto al prezioso lavoro multidisciplinare. La Ginecologia e le altre specialità chirurgiche sono proiettate a ottimizzare sempre più i livelli di assistenza a garanzia di qualità e sicurezza per i pazienti».

«Rispetto ad alcune tematiche importanti come quelle di oggi- ha dichiarato Ruggero Razza– la Sicilia è all’avanguardia. Sin dal primo giorno abbiamo profuso sforzi ed energia per far crescere la nostra sanità e lo abbiamo fatto soprattutto dove eravamo più in difficoltà. E non è un caso che oggi, sul tema del personale, delle infrastrutture e della tecnologia, la nostra regione è, dati alla mano, quella che più ha prodotto nel mezzogiorno d’Italia. Ovviamente, eventi come quelli di oggi sono un vero esempio di confronto e di lungimiranza organizzativa e contribuiscono in maniera determinante a far emergere quanto di positivo viene prodotto dalle nostre parti».

POTREBBERO INTERESSARTI ANCHE...

Seguici su Facebook

Made with by DRTADV