Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

ASP e Ospedali

In telemedicina

Garibaldi, controllo cardiologico per i donatori di sangue

Inaugurato nella Unità di Raccolta emocomponenti del Presidio Ospedaliero Centro, è stato reso possibile grazie all'acquisto da parte dell'AVIS Catania di un elettrocardiografo di ultima generazione.

Tempo di lettura: 2 minuti

CATANIA. Un servizio di cardiologia in Telemedicina a beneficio dei donatori di sangue dell’AVIS è stato inaugurato stamane nella Unità di Raccolta emocomponenti del Presidio Ospedaliero Centro dell’ARNAS Garibaldi. Il monitoraggio cardiaco è stato reso possibile grazie all’acquisto da parte dell’AVIS comunale di Catania di un elettrocardiografo di ultima generazione ed i particolare al generoso contributo di amici e colleghi in memoria della dottoressa Giulia Romano, medico internista e volontario AVIS prematuramente scomparsa nel 2020.

Il tracciato che riporta le condizioni del cuore viene effettuato nel Centro raccolta e refertato in tempo reale dalla UO di Cardiologia riabilitativa dello stesso Presidio. Al primo elettrocardiogramma a cui è stato sottoposto un donatore avisino erano presenti il direttore generale dell’Arnas, Fabrizio De Nicola, l’assessore alla sanità del Comune di Catania, Giuseppe Arcidiacono che è anche responsabile della cardiologia riabilitativa del Garibaldi Centro,  il capo dipartimento e direttore sanitario regionale AVIS Marcello Romano, il direttore della Medicina Trasfusionale, Santi Sciacca e le maggiori cariche avisine regionali e locali: Salvo Calafiore (presidente regionale), Francesco Malerba (presidente comunale), i dirigenti AVIS Mertoli, Privitera, Prestinenza e Romano.

«Prosegue la promozione della donazione del sangue da parte di questa ARNAS con il suo punto prelievo del Garibaldi Centro ed i sedici punti fissi e mobili dell’area metropolitana», ha detto De Nicola, mentre Sciacca ha sottolineato «l’importanza della sicurezza del sangue trasfuso ai pazienti che passa dal controllo costante dello stato di salute del donatore». Per Arcidiacono «i controlli cardiologici che saranno effettuati gratuitamente ai donatori di sangue dell’AVIS rappresenteranno anche un importante momento di prevenzione delle malattie cardiovascolari». Romano, infine, ha ribadito l’impegno dell’AVIS «ad incentivare la donazione soprattutto in questo periodo estivo che tradizionalmente vede una forte flessione delle donazioni a scapito soprattutto dei talassemici, oltre duecento assistiti al Garibaldi».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati