Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
emergenza covid test sierologici commissione sanità ddl sprechi deroga nomine manager azzardo

Dal palazzo

La polemica

Fimmg all’attacco: «A Palermo cattiva gestione nell’emergenza Covid, serve un cambio di passo»

Secondo Galvano e Tramonte i medici delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca) continuano a essere utilizzati per usi impropri rispetto a quelli previsti dalla legge e dalle stesse direttive regionali.

Tempo di lettura: 3 minuti

Un cambio di passo nella gestione dell’emergenza Covid a Palermo e provincia. A sollecitarla al commissario straordinario Renato Costa durante un’audizione in Commissione Sanità all’Ars è stata la FIMMG Sicilia.

«Abbiamo chiesto un cambio radicale nella gestione dell’assistenza domiciliare ai pazienti Covid, perché ad oggi abbiamo riscontrato tantissime criticità rilevate anche tramite due survey a cui hanno partecipato 500 medici», dichiarano Luigi Galvano, segretario generale regionale e Luigi Tramonte, segretario regionale FIMMG continuità assistenziale.

Quali sono queste criticità? Secondo la Fimmg i medici delle Unità speciali di continuità assistenziale (Usca) continuano a essere utilizzati per usi impropri rispetto a quelli previsti dalla legge e dalle stesse direttive regionali. Anziché essere impiegati per l’assistenza domiciliare ai pazienti Covid sono utilizzati per fare i tamponi; per attività dirigenziali, ruoli che tra l’altro non possono ricoprire. Adesso Costa li vorrebbe anche per fare i vaccini. «Chi paga le conseguenze di questa gestione? I cittadini, naturalmente», sostengono i medici di famiglia.

Per svolgere le funzioni sopracitate vi sono stati bandi specifici da parte dell’Assessorato e dell’Azienda sanitaria di Palermo ma – secondo la FIMMG – anziché attingere da lì, si raschia il barile dei medici Usca. Questi ultimi a Palermo sono 352, il decreto ministeriale prevedeva una Unità Speciale ogni 50 mila abitanti, l’assessorato ne ha prevista una Unità Speciale ogni 25 mila abitanti, quindi in Sicilia ogni Usca è composta da 3,5 medici.

A Palermo, applicando il decreto assessoriale, avremmo dovuto avere 172 medici, per 49 Usca. «Ce ne sono il doppio, ma il sistema non funziona. Con questi numeri- hanno ribadito i segretari Galvano e Tramonte- ci sarebbe dovuta essere una buona assistenza domiciliare che di fatto non c’è stata. Invece – cambiando destinazione ai medici Usca – la medicina sul territorio non riesce neanche ad avere un’interlocuzione con loro, ma soprattutto i pazienti Covid non sono adeguatamente seguiti a casa».

Il Commissario Renato Costa, durante l’audizione- per sua stessa ammissione- avrebbe sostenuto di voler utilizzare i medici Usca anche per vaccinare. Motivazione? Mancherebbero i medici vaccinatori, cosa non vera secondo la FIMMG. «Abbiamo due bandi- ribadisce Tramonte- uno nazionale e uno regionale, a quest’ultimo hanno partecipato 1400 medici che hanno dato disponibilità a vaccinare, anche a titolo gratuito. Di questi 700 sono a Palermo. Ma nessuno li cerca».

Utilizzando i medici Usca per la campagna di vaccinazione si toglierebbe ulteriore attenzione al territorio e quindi ai tanti pazienti Covid non ospedalizzati, in un momento in cui l’indice dei contagi aumenta.

La FIMMG contesta dunque la gestione non idonea dell’Emergenza Coronavirus a supporto della popolazione non ospedalizzata. «Abbiamo- continuano- il parere di uno dei migliori studi legali di Diritto amministrativo e del lavoro a supporto di quello che affermiamo».

Da parte sua, Costa ha negato anomalie gestionali, sottolineando ad esempio che il compenso dei medici delle Usca è stabilito per legge e che quando ci sono state oltre dieci ore di lavoro al giorno ciò è stato richiesto dall’emergenza pandemica.

La VI Commissione presieduta da Margherita La Rocca Ruvolo ha chiesto- prima di potere arrivare a delle conclusioni- di avere l’opportunità di leggere le relazioni contenenti i dati. L’intenzione è quella di farlo comunque per tutte le provincie. È giusto monitorare e chiedere che vengano colmate eventuali criticità. Il direttore generale del Dipartimento alla Pianificazione strategica, Mario La Rocca, ha depositato la relazione del commissario Costa alla commissione. Presto un secondo appuntamento – audizione sull’argomento dunque.

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati