Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui
fimmg

Dal palazzo

Cambio al vertice alla Fimmg

Federazione italiana dei medici di medicina generale, il nuovo presidente è il messinese Caudo

Già presidente dell'Ordine dei medici e odontoiatri di Messina, è stato eletto nella prestigiosa per il prossimo quadriennio.

Tempo di lettura: 2 minuti

Il messinese Giacomo Caudo (a sinistra nella foto sopra) è stato eletto presidente nazionale della Fimmg, federazione che riunisce i medici di medicina generale.

Si è svolto in questi giorni il 75esimo congresso nazionale a Domus del Maria in Sardegna con una straordinaria affermazione per la rappresentanza siciliana che ha visto Caudo, già presidente dell’Ordine dei medici e odontoiatri di Messina, eletto nella prestigiosa carica per il prossimo quadriennio, fino al 2022.

Confermato nell’incarico il segretario generale Silvestro Scotti (a destra nella foto), presidente dell’Ordine di Napoli. I circa 35mila medici iscritti al sindacato costituiscono oltre due terzi dei 50 mila medici di famiglia: un riconoscimento dunque all’esperienza e alla determinazione di persone da anni impegnate in difesa dei colleghi, al fine di migliorare l’efficienza del sistema sanitario tutelando diritti e prerogative della classe medica.

Per Caudo, che subentra a Stefano Zingoni di Bologna, è il riconoscimento del prezioso lavoro prima come presidente dell’ente ordinistico messinese e al contempo come vicesegretario nazionale Fimmg in qualità di tesoriere nel precedente direttivo.

Tanti gli argomenti al centro del dibattito durante il congresso, a cominciare dall’emergenza dell’allungamento dell’aspettativa di vita degli anziani con evidenti e importanti ripercussioni sulla spesa sanitaria dei prossimi decenni.

«Sono soddisfatto e onorato- ha commentato Caudo- di un incarico così prestigioso ma anche così pieno di responsabilità. I medici oggi non sono più solo medici, ma anche burocrati ed economisti perché devono fare i conti ogni giorno con spending review e procedure amministrative. L’obiettivo del nostro sindacato per i prossimi quattro anni è quello di alleggerire il “peso” che ogni professionista della sanità sente su di se come un ostacolo che rallenta la buona sanità e la vera mission di un buon medico di famiglia, che rimane una figura di riferimento imprescindibile per ciascun individuo».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione




    1

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali

    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati