Resta sempre aggiornato!

Unisciti al nostro canale Telegram.

Clicca qui

Blog

Che fastidio il polline! Ecco 8 consigli utili per combattere l’allergia

Primavera? Bella, ma non per tutti...

Tempo di lettura: 3 minuti

Bella la primavera! Per molti, ma non per tutti. Questa stagione porta con se i pollini e le reazioni allergiche collegate. Come, ad esempio, la diffusissima pollinosi, caratterizzata prevalentemente da lacrimazione, starnutazione, tosse e nei casi più acuti anche asma.

Le allergie respiratorie rappresentano la forma più diffusa di allergie in Europa e nel mondo. Inoltre, la diffusione delle malattie allergiche sta aumentando in Europa e, anche a causa del cambiamento climatico, non e più limitata a stagioni o ambienti specifici.

La rinite allergica (con o senza congiuntivite) colpisce il 60% della popolazione europea: dal 15% al 20% di tali pazienti soffre di una forma grave della malattia. Si stima che l’asma allergico colpisca il dal 5% al 12% della popolazione europea. Meno colpite sono le regioni scandinave ed i paesi baltici, mentre le percentuali salgono man mano che si scende verso i paesi del Mediterraneo, più esposti alle fioriture per ragioni climatiche.

Il fenomeno che causa la pollinosi è di fondamentale importanza per il regno vegetale: invisibili nubi di polline, seguendo le correnti aeree, si riversano nell’atmosfera diffondendosi in altezza e a distanza anche per diversi chilometri dalla sorgente.

I pollini, quindi, si depositano un po’ ovunque, anche sulle mucose della congiuntiva, del naso e dei bronchi delle persone che vivono nelle zone interessate. Queste persone, se sensibilizzate alle proteine allergeniche liberate dai pollini, reagiscono con i sintomi clinici sopra descritti.

Come difendersi allora da questa invasione?  Ecco alcuni consigli utili pubblicati dal sito del Ministero della Salute:

In presenza di sintomatologia che possa far sospettare un’allergia respiratoria, la prima cosa da fare è rivolgersi al medico curante e/o allo specialista per la corretta diagnosi e l’identificazione dell’allergene (o degli allergeni) a cui si è sensibilizzati, per stabilire un corretto programma preventivo-terapeutico da mettere in atto prima dell’inizio della stagione pollinica.
A scopo preventivo possono essere anche consigliati, quando è possibile, brevi soggiorni in clima marino durante il periodo della pollinazione, dato che al mare la concentrazione atmosferica dei pollini è relativamente bassa.

Inoltre la persona con diagnosi di pollinosi dovrebbe osservare le seguenti precauzioni generali:consultare i calendari pollinici per conoscere il periodo di fioritura delle piante responsabili delle manifestazioni allergiche o i bollettini dei pollini per conoscere effettivamente quali e quanti pollini siano diffusi nell’aria. Quindi, durante i periodi di pollinazione, usare questi accorgimenti:

  • evitare di uscire nelle ore di maggiore concentrazione pollinica, preferendo le uscite in prima mattina o tarda serata;
  • evitare le gite in campagna, soprattutto se è presente vento e, in special modo, non passeggiare nei prati dove sia stato fatto di recente il taglio dell’erba;
  • evitare i viaggi in macchina o in treno con i finestrini aperti. Se si viaggia in macchina, usare preferibilmente un impianto di aria condizionata, munito di filtri di aerazione anti-polline;
  • evitare le attività all’aperto nelle ore centrali della giornata, soprattutto nelle giornate soleggiate e ventose
  • respirare attraverso il naso che filtra l’aria in entrata o indossare una maschera antipolvere
  • lavare con più frequenza i capelli, in quanto i pollini presenti nell’aria possono finire tra i capelli e poi depositarsi sul cuscino durante il sonno
  • fare attenzione agli eventi temporaleschi
  • tenere chiuse le finestre durante le ore centrali della giornata.

Per ulteriori informazioni sull’argomento il ministero consiglia questi approfondimenti:

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.

    Contenuti sponsorizzati