ASP e Ospedali

Vertice tra Iacono e sindacato Nursind

Fasce retributive, incentivi e buoni pasto: ecco le richieste degli infermieri all’Asp di Caltanissetta

Si è svolto un incontro tra i vertici dell'Azienda sanitaria provinciale e il sindacato Nursind. Il dg Carmelo Iacono: «Gli aventi diritto avranno quanto dovuto».

Tempo di lettura: 2 minuti

CALTANISSETTA. Incontro ieri mattina tra la direzione dell’Asp (rappresentata dal direttore generale Carmelo Iacono, dal direttore amministrativo Alessandro Mazzara e dal responsabile Ufficio Relazioni Sindacali Aziendali, Enzo Aronica) e una delegazione del sindacato degli infermieri Nursind.

I punti all’ordine del giorno

L’attribuzione delle fasce retributive: saranno concesse in base ai requisiti previsti e per fare ciò sono state già costituite 30 commissioni che esamineranno le posizioni di 1200 dipendenti richiedenti

Gli incentivi: per il conferimento sono stati già sollecitati i primari di tutte le unità operative a preparare le relazioni che saranno valutate dall’Oiv (Organismo Indipendente di Valutazione);

I buoni pasto: di concerto con i sindacati gli uffici provvederanno a risolvere alcune problematiche di tipo interpretativo del Documento Integrativo Aziendale.

“La nostra attenzione nei confronti dei diritti del personale è massima- dichiara il dg Carmelo Iacono- Tutte le azioni sono state improntate a recuperare i contenziosi che derivavano principalmente dal mancato rispetto di norme contrattuali. Solo rispettando le regole si sbaglia meno. Un esempio il pagamento delle fasce retributive. I sindacati ci hanno richiesto il pagamento del 2016 per tutti i dipendenti. Potrebbe sembrare una cosa semplice, ma spetta solo agli aventi diritto. Pertanto sono state istituite 30 commissioni che ci forniranno gli elenchi degli aventi diritto in modo da fare i pagamenti entro il mese di aprile”.

Poi Iacono aggiunge: «Nel frattempo procederemo alla selezione degli aventi diritto del 2015 che riceveranno il beneficio entro marzo del 2017. Mi piace ricordare il lavoro immane che stanno facendo i nostri uffici che hanno consentito di mantenere in servizio 500 persone entro il dicembre 2016, che ha permesso  l’incremento orario di tutto il personale precario e l’avvio delle procedure di stabilizzazione. Ritengo che tutto ciò sia l’antitesi del concetto di inerzia amministrativa».

Il segretario generale regionale del Nursind, Osvaldo Barba, fa sapere: «I sindacati vigileranno sull’applicazione di quanto dichiarato a garanzia dei dipendenti. Per quanto riguarda gli incentivi, se entro marzo non dovessero arrivare le note dei primari provvederemo a diffidare gli stessi e ad agire per le vie legali».

Contribuisci alla notizia
Invia una foto o un video
Scrivi alla redazione

    Immagine non superiore a 5Mb (Formati permessi: JPG, JPEG, PNG)Video non superiore a 10Mb (Formati permessi: MP4, MOV, M4V)


    Informativa sul trattamento dei dati personali
    Con la presente informativa sul trattamento dei dati personali, redatta ai sensi del Regolamento UE 679/2016, InSanitas, in qualità di autonomo titolare del trattamento, La informa che tratterà i dati personali da Lei forniti unicamente per rispondere al messaggio da Lei inviato. La informiamo che può trovare ogni altra ulteriore informazione relativa al trattamento dei Suoi dati nella Privacy Policy del presente sito web.